“Ancora una volta il Sud è mortificato. Se all’Italia è stata attribuita la fetta più consistente delle risorse del Recovery Fund lo si deve proprio al Meridione. Ora, invece, il governo Conte dirotta al Nord la parte più cospicua. E questo nonostante il parere contrario di tutti i Presidenti del Sud al di là degli schieramenti politici”.

Lo dichiara il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi, che si appresta ad inviare al governo Conte con gli altri governatori meridionali una lettera con la quale si chiede il rispetto degli impegni che l’Italia ha preso in Europa.

“Siamo di fronte alla più importante manovra economica dal dopoguerra dove si decideranno la prossima programmazione e la ripresa dopo la pandemia. Il governo inspiegabilmente ha interrotto il confronto con le Regioni facendo da solo”.

All’Italia sono stati assegnati 209 miliardi di euro. L’Europa ha attribuito i fondi tenendo conto della popolazione, del reddito pro-capite e del tasso medio di disoccupazione negli ultimi cinque anni.

“Se il criterio fosse stato solo quello della popolazione – ha aggiunto Bardi – il nostro Paese avrebbe ricevuto solo 97 miliardi e mezzo di euro. E se le risorse del Recovery Fund assegnate all’Italia sono ben maggiori è per le condizioni economiche della popolazione del Mezzogiorno. È inaccettabile che al Sud vada la quota residuale del 34% stabilita dal governo e che anche su questo ci sia una chiusura da parte dell’esecutivo. Dobbiamo pretendere che il 70% delle risorse complessive vada al Mezzogiorno così come stabilito dalla Commissione europea. La posta è alta. È in gioco il futuro stesso della Basilicata ed è una partita che non possiamo perdere. Per questo faccio appello ai deputati e senatori lucani perché impediscano questo scippo di risorse a vantaggio del Nord e della pesantissima macchina statale”.

– Claudia Monaco –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*