Potenza ha ottenuto il riconoscimento di città d’arte. Lo ha stabilito la proposta di legge, approvata a maggioranza dal Consiglio regionale della Basilicata (con 12 voti favorevoli di Fi, Lega, Idea, Pd, Iv, Bp e 3 astensioni di Pd, Pl e Fdi), di iniziativa dei consiglieri Bellettieri e Piro (Forza Italia), che apporta modifiche alla legge regionale 20 luglio 1999 n. 19 concernente la disciplina del commercio al dettaglio in aree private in sede fissa e su aree pubbliche.

Il capoluogo di regione affianca, così, le altre città d’arte della Basilicata che sono Matera, Venosa, Rivello, Acerenza, Melfi, Avigliano, frazione di Lagopesole, e Tricarico. Questi comuni, sentite le locali organizzazioni dei consumatori, delle imprese del commercio e del turismo e dei lavoratori dipendenti, possono individuare le zone del territorio e i periodi di maggiore afflusso turistico per ciascun anno nelle quali gli esercenti di vendita al dettaglio possono determinare liberamente gli orari di apertura e di chiusura e possono derogare all’obbligo di osservanza della chiusura domenicale e festiva oltre alla mezza giornata di chiusura infrasettimanale.

La città di Potenza – ha spiegato il consigliere Bellettieri – ha caratteristiche precipue che le consentono di essere annoverata tra le città che rivestono un interesse culturale”.

Tanti i beni artistici del capoluogo indicati da Bellettieri e Piro, a partire dalla pittura (tra questi la tela “Adorazione de Pastori” a firma di Giovanni Ricca, uno dei maggiori pittori del Barocco napoletano ed italiano, la tela “Madonna col Bambino tra i Santi Pietro e Paolo” a firma Teodoro D’Errico, le tele di Leonardo Grazia detto “Il Pistoia”, artista toscano del Rinascimento che a Potenza ha lasciato l’Immacolata tra i SS. Rocco e Francesco in Santa Maria del Sepolcro e la “Natività tra i SS. Francesco e Giovanni Evangelista), per poi passare alla scultura (nella chiesa di Santa Maria del Sepolcro c’è una delle tre statue contemporanee in Italia che si sono ispirate ad uno dei capolavori della scultura mondiale, la Statua del Cristo Velato nella Cappella Sanseverino a Napoli) e all’architettura contemporanea (il Ponte Musmeci, la prima opera infrastrutturale italiana ad essere dichiarata monumento nazionale che viene studiata in molte Facoltà di Architettura in tutto il mondo).

La consistenza artistica di Potenza, rispetto alla consistenza media della Basilicata e dei suoi 131 Comuni – ha concluso Bellettieri –, è oggettivamente immensa. Non considerando la storia della città, i suoi monumenti, la tradizione letteraria e musicale, le sue chiese, i suoi siti archeologici, le sue testimonianze di epoca romana. Questa proposta di legge è da stimolo per gli enti interessati ad allargare la propria visione programmatica in materia commerciale dando concreta attuazione a istituti giuridici importanti che la legge 19 pur contempla e che ancora oggi risultano inattivi”.

– Chiara Di Miele –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*