Pesca illegale del tonno rosso sottomisura. Sequestro nel Cilento, sanzione di 5000 euro ad un pescatore









































Ieri i militari della Guardia Costiera di Acciaroli, coadiuvati dai veterinari dell’ASL di Vallo della Lucania, hanno proceduto al sequestrato ed alla confisca di 120 esemplari di tonno rosso (thunnus thynnis) sottomisura nel porto di Acciaroli.

Il prodotto ittico è stato sottoposto a specifici accertamenti sanitari e tutti gli esemplari, giudicati idonei al consumo umano, sono stati donati in beneficenza.

Un ex pescatore professionale ha ricevuto una sanzione amministrativa di 5.333 euro.











Questo dispositivo di controllo e vigilanza, che include l’intera filiera della pesca marittima, si colloca nelle più ampie linee di azione licenziate quest’anno dal Centro di Controllo Area Pesca (CCAP) della Direzione Marittima della Campania, sotto il diretto coordinamento dell’Ammiraglio Ispettore Pietro Giuseppe Vella.

Tali tipologie di pesca illegale si rivelano gravemente lesive sia dell’ecosistema marino e degli stock ittici soggetti a stringenti misure di tutela da parte dell’Unione Europea, sia delle regole di libero mercato che vengono messe a dura prova da una forma incisiva di concorrenza sleale.

– Chiara Di Miele –



































Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*