Nella tarda mattinata di oggi, un 31enne residente a Padula Scalo, si è chiuso in casa per evitare un TSO (trattamento sanitario obbligatorio) imposto dal personale sanitario preposto, dai Carabinieri e firmato dal sindaco di Padula Paolo Imparato.

L’uomo, affetto da alterazioni psichiche tali da richiedere urgenti interventi terapeutici, si è rifiutato di salire in ambulanza e di sottoporsi ai trattamenti richiesti.

Ad intervenire sul posto la Polizia Municipale, un’ambulanza del 118, i Carabinieri della Stazione di Padula e i Vigili del Fuoco.

Decisivo, dunque, l’intervento dei Caschi Rossi del Distaccamento di Sala Consilina, per poter irrompere in casa e permettere l’intervento dei sanitari.

– Gianluca Calenda –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano