Il Gruppo Consiliare di Montesano sulla Marcellana “Risveglio Civico” è intervenuto sull’iter di formazione del Piano Urbanistico Comunale a più riprese nel corso dell’attuale consiliatura. Secondo il capogruppo di opposizione Renivaldo Lagreca, l’approvazione del PUC “rischia di determinare grave pregiudizio al futuro del Comune, dei suoi cittadini e delle generazioni a venire“.

Il PUC era stato sbandierato come ‘già pronto’ sul palco elettorale, salvo poi a necessitare, per la gestazione, di un’intera consiliatura: in breve nell’anno 2016 il PUC non era affatto pronto – afferma Lagreca -. Durante l’iter di formazione del PUC il gruppo Risveglio Civico è stato tenuto completamente all’oscuro di quanto si stava preparando alle spalle dei cittadini, eppure non sono mancate richieste di accesso, sempre respinte in quanto ‘atto non pronto’ tanto da non essere stato depositato in bozza presso l’Ufficio Tecnico Comunale. L’iter di formazione neppure si può considerare pacifico e privo di ‘stranezze’, caratterizzato nell’ultimo quinquennio da continui annunci e marce indietro. Da aggiungersi l’incomprensibile esautoramento degli unici tecnici locali che potevano recare un patrimonio di conoscenza diretta del territorio, l’arch. Maio e l’ing. Pierri; addirittura Pierri, il 10 febbraio scorso, ha trasmesso un atto di formale disconoscimento della paternità del PUC, discaricando ogni responsabilità circa il contenuto e, addirittura, diffidando il Comune dall’utilizzare il suo nome in sede di approvazione“.

Il 23 dicembre 2020 la Giunta comunale di Montesano ha adottato il Piano Urbanistico Comunale (delibera 117/2020). “L’Amministrazione – sottolinea Lagreca – ha inteso così rivendicare appieno la paternità esclusiva del PUC. La pubblicazione della delibera è stata in principio carente di tutti gli allegati, ovvero del piano medesimo, risolvendosi solo in belle parole, rendendo impossibile ai consiglieri comunali, alle associazioni, alle imprese, ai professionisti e, soprattutto, ad ogni singolo cittadino, di avere tempestiva conoscenza di quanto si è programmato sui loro destini e, in conseguenza, ad interloquire. Dopo l’intervento di Risveglio Civico gli allegati sono stati pubblicati e, finalmente, resi conoscibili a tutti“.

Il mistero è stato così svelato – continua il capogruppo di opposizione – e sono ben compresi i motivi di tanta ritrosia, in considerazione dei contenuti del PUC. Per senso civico, per senso di responsabilità nei confronti del paese e del suo futuro, per amore dei cittadini e del loro benessere, per la tutela delle generazioni a venire e delle loro prospettive, Risveglio Civico invita il Consiglio a non approvare il Piano Urbanistico Comunale e a rimetterlo a nuovo con il supporto di un collegio di tecnici da nominare tra professionisti locali, consentendo indicazione anche da parte dell’opposizione consiliare, così da poter rimodulare, bipartisan, il PUC e renderlo rispondente alle effettive esigenze di Montesano sulla Marcellana“.

– Paola Federico –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*