​Il 24 ed il 25 agosto scorsi il Contingente italiano in Lettonia ha portato a termine due eventi a favore dei bambini lettoni. Il primo si è tenuto presso il reparto di psichiatria dell’ospedale pediatrico di Riga e il secondo a favore dei piccoli ospiti dell’orfanotrofio Grasu Children’s Village dislocato nei pressi della città di Madona.

Entrambe le attività, sostenute dal Comando Brigata Meccanizzata lettone ed autorizzate dal Ministero della Difesa, hanno impegnato i bambini nel preparare la pizza insieme ai Bersaglieri dell’8° Reggimento appartenente alla Brigata Garibaldi. Non sono mancate altre forme di divertimento, dal karaoke ai giochi di società.

D’obbligo la foto con la vaira, il cappello piumato dei bersaglieri, che ha attratto la curiosità dei piccoli “bersaglieri per un giorno”, divertiti all’idea di indossarlo prima di mettersi in posa.

Sentito il ringraziamento dei responsabili dei due istituti che hanno sottolineato l’importanza di queste attività che, oltre a cementare il rapporto di amicizia dei contingenti militari della NATO con le comunità locali, consentono di trascorrere qualche ora in serenità ai bambini cui la vita non sempre ha destinato solo fortune. In entrambe le circostanze, il Comandante del Contingente italiano, il valdianese Tenente Colonnello Giovanni Graziano, ci ha tenuto a ringraziare le direzioni ed il personale delle strutture per l’accoglienza e la fiducia e ha esternato la forte emozione che si può provare, dalla prospettiva di un soldato italiano, nel riuscire a suscitare il sorriso di un bambino.

Non ha fatto mancare la propria presenza al fianco dei militari l’Ambasciata italiana in Lettonia che ha partecipato al primo evento con una rappresentanza. Così come ha chiesto di assistere e prendere contezza dell’organizzazione posta in essere dai militari italiani una rappresentante del Comitato Nazionale della Croce Rossa Lettone, interessata a coinvolgere il Contingente italiano in eventi da organizzare presso i propri centri riservati ai minori e alle donne vittime di violenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.