Il Comando Unità Forestali e Ambientali, in collaborazione con il Ministero della Transizione Ecologica, ha promosso un progetto di educazione alla legalità ambientale denominato “Un albero per il futuro”, che prevede nel triennio 2020-2022 la donazione e messa a dimora nelle scuole di circa 50.000 piantine.

Nell’ambito di questo progetto il Raggruppamento Carabinieri Biodiversità, in accordo con la Fondazione “Falcone”, ha avviato lo sviluppo delle attività per duplicare il Ficus Microphilla columnaris magnoleides situato all’ingresso dell’abitazione palermitana del giudice assassinato divenuto celebre come l’Albero di Falcone, ed attraverso complesse procedure di laboratorio sono state portate a radicazione circa 1.000 piantine con lo stesso genoma della pianta madre, con l’intento di donarle alle scuole e agli Enti, per metterle a dimora. Sono state piantate le prime 100 piantine a Palermo. Adesso anche Moliterno e tanti altri comuni pianteranno l’Albero di Falcone.

La cerimonia della messa a dimora è prevista per lunedì 22 novembre, nel giardino dell‘Istituto Comprensivo “G. Racioppi”, alla presenza del Sindaco Antonio Rubino, dell’assessore all’Ambiente Giovanni Risi, del Comando Carabinieri Forestali e Carabinieri del Parco, della Dirigente Scolastica Carmelina Rocco e delle classi terze e quarte della Primaria.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano