muri imbrattati vallo della lucania
Foto “Il Mattino”

Nella serata di mercoledì, due ragazze minorenni sono state colte in flagranza di reato da un agente della Polizia Municipale mentre con bombolette imbrattavano i muri dell’Istituto tecnico commerciale “Enrico Cenni”.

Una segnalazione, come riporta “Set-tv”, giunta al sindaco Antonio Aloia e prontamente inoltrata ai Carabinieri aveva fatto scattare l’allarme.

Le due ragazze 17enni sono state condotte dinanzi al Maresciallo dei Carabinieri Salvatore Sergi e il Capitano della Compagnia di Vallo della Lucania Mennato Malgieri.

La punizione esemplare stabilita dal primo cittadino è stata quella di dover imbiancare le pareti imbrattate, scelta presa soprattutto come esempio da dare agli altri perché “la città è la casa di tutti, i beni pubblici appartengono alla comunità e vanno curati e mantenuti integri”. Le due minorenni armate di tute e pennelli, e assistite dagli agenti di Polizia Municipale e dagli amministratori cittadini, hanno rimediato al danno.

Nel condannare con fermezza il gesto delle due ragazze il Aloia ricorda che “l’amministrazione comunale è impegnata già da alcuni anni a costruire una città sostenibile, una città dove si può e si deve realizzare un equilibrio tra sviluppo economico e tutela dell’ambiente, un modello di sviluppo che può assicurare a noi ed a i nostri figli un futuro migliore”.

– Paola Federico –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*