Ulteriori notizie per i dipendenti dell’Ergon, a capo della raccolta dei rifiuti della zona del Vallo di Diano, che non sono ancora stati retribuiti per il lavoro svolto durante l’anno 2016.

Il futuro sembra essere sempre più incerto per i lavoratori, dal momento che hanno da poco concluso un progetto per il reinserimento al lavoro della durata di tre mesi.

In cerca di risposte, sono stati respinti a più riprese dai dirigenti, che hanno usato il silenzio di fronte alle richieste dei dipendenti.

Questa mattina, di nuovo, un’amara sorpresa: un impiegato del Tribunale di Lagonegro, giunto nella sede dell’Ergon a Polla per consegnare gli atti ingiuntivi pronti per provvedere alla retribuzione di alcuni dipendenti che hanno prestato servizio nel 2016, ha trovato di nuovo i cancelli della sede chiusi.

Vogliamo solo far valere i nostri diritti – sottolineano i dipendenti – Non possono rimanere a lungo in silenzio, negandoci persino i pagamenti delle buste paga arretrate“.

– Justine Biancamano –


  • Articolo correlato

18/01/2018 – Polla: trovano i cancelli dell’azienda chiusi. Lavoratori della Ergon si rivolgono ai Carabinieri

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*