E’ iniziato, ieri mattina, in un’aula del tribunale di Vallo della Lucania il processo nei confronti del sindaco di Rofrano Nicola Cammarano, accusato di detenzione di materiale pedopornografico all’interno di uno dei tre computer presenti nel suo studio di commercialista, nel febbraio del 2015.

Nell’udienza di ieri, dove era presente anche l’imputato difeso dall’avvocato Vincenzo Speranza, il giudice ha acquisito le prove sulle quali è stato costruito il capo dell’accusa, mentre nel mese di dicembre nella fase dibattimentale, verranno ascoltati due testi dell’accusa.

La Guardia di Finanza di Vallo della Lucania scoprì il materiale pedopornografico durante un normale controllo fiscale nello studio di commercialista del primo cittadino di Rofrano. La perquisizione, poi, si estese anche al Comune e nella sua abitazione.

I finanzieri trovarono foto e video pedopornografici in un solo pc, uno dello studio professionale a cui poi vennero apposti immediatamente i sigilli. Il sindaco Nicola Cammarano, si è sempre detto innocente.

Il processo era iniziato a Salerno, ma l’avvocato difensore del primo cittadino di Rofrano, ha sollevato l’eccezione di incompatibilità territoriale e ha chiesto che il processo venisse trasferito presso il Palazzo di Giustizia di Vallo della Lucania.

Giovanna Quagliano


  • Articoli correlati

29/6/2015 – Foto pedopornografiche sindaco Rofrano. Nuova udienza a carico di Cammarano, ancora assente in aula

1/6/2015 – Foto pedopornografiche sindaco Rofrano. Cammarano assente questa mattina in aula

8/5/2015 – Foto pedopornografiche sindaco Rofrano. Parte il 1° giugno giudizio immediato a carico di Cammarano

13/3/2015 – Foto pedopornografiche sindaco Rofrano. La Procura chiede il giudizio immediato

20/2/2015 – Arrestato il sindaco di Rofrano. Materiale pedopornografico nel computer


 

Commenti chiusi