La Regione Campania, con un aggiornamento odierno, si esprime in merito all’attività nautica e diportistica nella Fase 2 dell’emergenza sanitaria.

Nell’attuale fase è consentita la manutenzione delle barche da diporto. Le vigenti ordinanze regionali, infatti, consentono l’esercizio di attività conservative e di manutenzione sulle barche da diporto, anche in mare.

È consentita l’attività nautica su imbarcazioni private nel rispetto delle misure precauzionali, del distanziamento e dell’obbligo di dispositivi di protezione, in forma individuale ovvero limitatamente allo stretto nucleo familiare convivente.

Ancora una volta devo esprimere al governatore De Luca tutta la mia stima per aver intuito ed attivato i protocolli che consentono ai diportisti, e quindi alla nautica tutta, di riprendere la vita normale – afferma Gennaro Amato, presidente di Afina, l’Associazione Filiera Italiana della Nautica che conta oltre 250 addetti al settore -. La sicurezza della fase 2 del difficile momento storico sanitario, infatti, ben interpreta per naturale vocazione il rispetto della distanza tra individui per chi va in barca. Un diportista esce per mare con la famiglia e cerca sempre un luogo dove in tranquillità e, se possibile, in assenza di altri, poter fare un bagno. Perciò è l’identificazione del rispetto delle regole della fase 2”.

– Chiara Di Miele –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*