L’esposizione alla luce solare stimola molte funzioni benefiche: il sole migliora il tono energetico, attiva e favorisce la produzione della vitamina D. La luce solare combatte la depressione stimolando la serotonina, migliora l’umore, rafforza il sistema immunitario, ha un’azione antibatterica e anti-virale sulla pelle e interviene positivamente sui ritmi sonno-veglia.

Nonostante i molti benefici, l’esposizione ripetuta e prolungata ai raggi UVA e UVB può comportare dei rischi. Tra questi, i possibili rischi sono quelli a carico della pelle come eritemi, scottature e invecchiamento cutaneo. La prima regola per abbronzarsi senza rischi consiste nell’individuazione del proprio fototipo al fine di scegliere la protezione solare più adeguata. Inoltre è importante esporsi al sole gradualmente, iniziando con pochi minuti e aumentando gradatamente, evitando possibilmente le ore di massima esposizione ai raggi ultravioletti ovvero tra le 11 e le 15. La protezione solare è fondamentale perché riduce la quantità di radiazioni ultraviolette che entrano in contatto con la pelle. I bambini sono più sensibili all’azione del sole, per questo vanno protetti con grande attenzione.

Tra le conseguenze di un’errata e prolungata esposizione della cute ai raggi ultravioletti, senza adeguata protezione solare, c’è l’eritema solare, una manifestazione infiammatoria della pelle. L’eritema compare dopo poche ore sulle zone foto-esposte che in una prima fase si arrossano e poi si desquamano. L’eritema solare può avere diversi gradi d’intensità: la forma più leggera si manifesta come una scottatura superficiale; la forma media si presenta come una ustione di I grado caratterizzata da arrossamento più accentuato, gonfiore e dolore al tatto. I rimedi omeopatici sono molto utili sia come prevenzione prima dell’esposizione al sole sia come trattamento e cura in caso di danni cutanei. Per le persone soggette ad eritemi solari in omeopatia si utilizza Histaminum circa 7 giorni prima come prevenzione e 7-10 giorni dopo la prima esposizione al sole.

Quando invece l’esposizione al sole ha già causato danni, l’omeopatia è di grande aiuto anche nella forma acuta con dei rimedi sintomatici. Apis mellifica è il rimedio che si utilizza in caso di scottature o eritema rosa acceso con prurito, bruciore e dolore pungente che migliora con applicazioni fredde. Urtica urens ha un’azione simile ad Apis poiché interviene in caso di edema pruriginoso, bruciante e pungente.

Belladonna si usa in caso di eritema con febbre, intenso calore, dolore acuto e pulsante, cute secca, calda e arrossata, sete intensa e prurito. Il soggetto presenta anche sintomi come cefalea, fotofobia e vertigini.


Bibliografia: www.mypersonaltrainer.it – www.omeopatiadinamica.it –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*