Farmacia 3.0 – curare con l’omeopatia il dolore dei denti dei lattanti Rubrica a cura del dott. Alberto Di Muria









































I primi dentini in genere compaiono in un’epoca variabile tra i 5 mesi e 1 anno di età anche se in alcuni bimbi il primo dentino può anche spuntare intorno ai 12-13 mesi di vita. Solitamente la dentatura decidua, i cosiddetti denti da latte, è completa intorno ai 24-30 mesi di vita.

In alcuni bambini la nascita del primo dentino avviene senza alcun disturbo particolare e mamma e papà se ne accorgono del tutto casualmente. Qualche volta, però, l’eruzione dei dentini può accompagnarsi a una serie di piccoli fastidi come salivazione abbondante che può causare irritazione della cute intorno a bocca e mento, gengive rosse ed infiammate. Spesso si osservano in concomitanza altri disturbi come irritabilità, sonno disturbato e frequenti risvegli, febbricola, diarrea e arrossamento nella zona del sederino. Il piccolo mostra una grande smania di mordere e tende a mettere in bocca qualsiasi oggetto abbia tra le mani per alleviare il fastidio alle gengive.

La gengiva è molto resistente, per questo la spinta del dente che sta erompendo provoca un’infiammazione più o meno dolorosa e fastidiosa. Tra il momento in cui il dente da latte spinge e il momento in cui spunta, è naturale che il bambino abbia voglia di mordere tutto.











Esistono rimedi come gli anelli da dentizione refrigeranti che vanno tenuti in frigorifero per alleviare, con il freddo, i fastidi della dentizione e la smania di mordere.

L’omeopatia, però, rappresenta un valido aiuto, naturale ed innocuo, per cercare di dare sollievo al piccolo durante questo evento fisiologico della sua vita.

Chamomilla è il rimedio principale da dare in caso di disturbi della dentizione, utile se l’eruzione dentale sembra particolarmente dolorosa con gengive rosse ed infiammate, sonno disturbato, lieve rialzo febbrile e, a volte, anche diarrea. Il bambino spesso si calma solo se tenuto in braccio, è estremamente irrequieto ed agitato. Belladonna, invece, si usa se il piccolo ha un rialzo febbrile improvviso, il viso appare arrossato mentre le estremità sono fredde. Rheum si utilizza quando compare la classica diarrea da dentizione che causa spesso irritazione nella zona del pannolino.

Infine ci sono in commercio preparati “compositi”, ossia contenenti più rimedi omeopatici e anche prodotti in gel da applicare più volte al giorno.

Bibliografia: www.bambinonaturale.it –  www.spazomeopatia.it – www.riza.it


                              

Farmacia 3.0 – Rubrica a cura del dott. Alberto Di Muria



































Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*