Ha avuto luogo ieri pomeriggio ad Atena Lucana un incontro per le Elezioni Regionali in Campania che si terranno il prossimo 20 e 21 settembre. L’evento è stato organizzato da Donato Pica che ha deciso di mettersi di nuovo in gioco e candidarsi al Consiglio regionale della Campania nella lista “Noi Campani con De Luca” che fa capo a Clemente Mastella.

Io torno a casa nel senso che chiudo il mio lungo viaggio nella politica tornando da dove sono partito, da Clemente Mastella che tanti anni fa mi volle candidato al Consiglio regionale – commenta Pica –. Questa è una scelta contraria all’esasperazione del linguaggio politico e ai comportamenti folcloristici, guarda lontano e mira a ricostituire un’area centrale che vuole dire la sua a difesa e tutela dei territori. Su questi presupposti mi sono ritrovato perché la nostra è una compagine civica e perché la scelta andava nella direzione giusta su Vincenzo De Luca, l’unico che può guidare per altri 5 anni una regione difficile e complessa. Ritengo di avere ancora le capacità intellettuali e fisiche per dare il contributo anche sulla scorta dell’esperienza maturata. L’unico modo per far sentire la voce di questi territorio era impegnarsi in prima persona. Io vedo solo una guerra di manifesti ma dei programmi e di cosa vogliamo fare per il Vallo di Diano e la provincia di Salerno nessuno ne parla”.

Pica ha raccontato la sua passata esperienza in Regione e ha elencato tutte le cose fatte. Ha parlato anche della sanità e della situazione che ha portato alla chiusura del Tribunale di Sala Consilina che ha definito come la sua “tomba politica“.

Qualcuno con forbita lingua su un pubblico manifesto pieno di errori ha detto che sto per tradire Sant’Arsenio– continua –. Un’eventuale mia presenza in Consiglio sarà un modo per rafforzare le esigenze di Sant’Arsenio e di tutto il Vallo di Diano. La mia presenza è più utile dove si decide e non a fare il caporale di giornata”.

Ha anche elencato gli interventi che vuole fare e sono dieci i punti che sintetizzano la sua proposta politica per il territorio e per la provincia di Salerno.

Presente all’incontro per sostenere il candidato anche il sindaco di Benevento e leader del movimento “Noi Campani con De Luca” Clemente Mastella che ha parlato dell’esigenza di avere ospedali di prossimità, della vicenda del Tribunale e di tutte le conseguenze avute.

La politica deve essere tratto umano e disponibilità – dichiara –. La gente cammina dondolante da una parte all’altra: sceglie i 5 Stelle, poi si rende conto che sono finti rivoluzionari e allora passa dalla parte di un altro finto rivoluzionario che viene da Milano e parla al Sud indossando la maglietta del Benevento. Sono cose che noi deploriamo e non credo sia questa la rivoluzione politica e culturale del Paese. Dobbiamo costruire un’area centrale che può governare e senza la quale il Paese non regge. Siamo una delle poche liste senza potere ed a mani nude. Dobbiamo attuare tutte le condizioni per rendere appetibile il territorio. Le nostre realtà possono crescere e dobbiamo far tornare le persone. Nel periodo peggiore abbiamo la peggior classe politica mai partorita in Italia”.

Per quanto riguarda il ritorno a scuola ha sottolineato: “Non credo che si apra il 14 settembre ma si aprirà la settimana successiva. Sono contrario alle lezioni online, dobbiamo mettere in condizione di ritornare a scuola e rendere protagonisti i ragazzi. Il Coranavirus ha determinato diseguaglianze sociali profonde”.

– Annamaria Lotierzo –

[fbvideo link=”https://www.facebook.com/ondanews.it/videos/791705648036792/” width=”700″ height=”400″ onlyvideo=”1″]

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*