La Procura della Repubblica di Potenza ha disposto il “dissequestro temporaneo” del Centro Oli di Viggiano dell’Eni dove, fino al 31 marzo scorso, venivano trattati circa 75mila barili di petrolio al giorno, prima del sequestro di due vasche e di un pozzo di reiniezione nell’ambito dell’inchiesta sul petrolio in Basilicata.

Lo ha reso noto l’Eni, che ha ricevuto oggi la notifica del dissequestro.

Ieri i consulenti della Procura avevano espresso parere favorevole ai lavori di modifica dell’impianto. Il dissequestrato permetterà all’Eni di fare alcuni “lavori di modifica tecnica”: dopo la loro valutazione, la Procura “procederà al dissequestro definitivo”.

La compagnia petrolifera ha ribadito la volontà di dare alla magistratura la “massima collaborazione”, dicendosi sicura che sarà accertata “la correttezza del proprio operato”.

– redazione –


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*