Si continua a costruire provvedimenti su dati vecchi e ad inseguire il virus anziché anticiparlo. La situazione, come prevedibile già tre settimane fa, è tornata ad essere molto problematica e non migliorerà certo nei prossimi giorni“.

E’ quanto afferma Domenico Mamone, presidente del sindacato datoriale Unsic, con oltre 3000 uffici in tutta Italia tra Caf, patronati e Caa, nonché autore di “Covid e dintorni” con il giornalista Giampiero Castellotti.

Come imprenditori – afferma – concordiamo sul primato della salute e sulla necessità di intervenire radicalmente al fine di scongiurare un eventuale blocco totale delle attività imprenditoriali che per esse segnerebbe la fine. Questa situazione delle semi aperture e della provvisorietà è dannosa per l’economia. L’esempio è quello del Regno Unito, che dopo estese chiusure, compresa quella delle scuole, e un’intensa campagna vaccinale, ha già programmato con date certe un ritorno, seppur parziale, alla normalità. L’imperativo è chiudere in modo esteso per alleggerire la pressione sugli ospedali e sul personale sanitario, non sottraendolo alle vaccinazioni e agli altri reparti, quindi riaprire in modo definitivo con numeri realmente tracciabili e un’alta percentuale di vaccinati”.

– Chiara Di Miele –

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*