Rafforzare le azioni di prevenzione e di contrasto alle forme di illegalità sul territorio comunale è una delle esigenze che, sempre più di frequente, viene avvertita dai Comuni, anche nel Vallo di Diano. E’ per raggiungere questo obiettivo che il Comune di San Rufo ha deciso di sottoscrivere il Patto per l’attuazione della sicurezza urbana con la Prefettura di Salerno predisposto dal Ministero dell’Interno.

La sottoscrizione del Patto presuppone anche la presentazione per accedere alle risorse destinate ad un progetto di potenziamento del sistema di videosorveglianza del territorio comunale nell’ottica del miglioramento delle attività di prevenzione e controllo della sicurezza.

La Prefettura e il Comune di San Rufo, rappresentato dal sindaco Michele Marmo, con il Patto si impegnano ad adottare strategie congiunte volte a migliorare la percezione di sicurezza dei cittadini e a contrastare ogni forma di illegalità favorendo così l’impiego delle Forze di polizia per far fronte ad esigenze straordinarie del territorio. A tale scopo le parti riconoscono che occorre intervenire in materia di sicurezza urbana attraverso azioni volte alla prevenzione e al contrasto dei fenomeni di criminalità diffusa e predatoria e alla promozione del rispetto del decoro urbano. Verranno dunque individuati come obiettivo prioritario l’installazione e il potenziamento dei sistemi di videosorveglianza comunali nelle aree maggiormente interessate da situazioni di degrado e di illegalità.

Attraverso il Patto per l’attuazione della sicurezza urbana il Comune di San Rufo e la Prefettura salernitana si impegnano, nell’ambito delle rispettive competenze, a favorire lo scambio informativo tra le Forze di polizia e la Polizia locale. A questo scopo è istituita presso la Prefettura una cabina di regia composta dai rappresentanti delle Forze di polizia e della Polizia locale, con il compito di monitorare lo stato di attuazione del Patto, con cadenza semestrale, anche ai fini della predisposizione da parte del Prefetto della relazione informativa all’Ufficio per il coordinamento e pianificazione delle Forze di polizia del Dipartimento della Pubblica Sicurezza, individuato quale punto di snodo delle iniziative in materia di sicurezza urbana.

– Chiara Di Miele –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano