Calcio.Il Valdiano con una prova di carattere pareggia e frena la corsa della capolista Audax Cervinara



































Il Valdiano con una prova di grande coraggio e determinazione frena la corsa della capolista Audax Cervinara costretta ad accontentarsi di un sofferto pareggio 1-1. Un punto per provare a scalare la classifica.

In una giornata dal clima invernale i ragazzi di Salvatore Nastri, per niente intimoriti al cospetto di una corazzata come la formazione irpina, hanno mostrato gli artigli e hanno fatto dire al tecnico Pasquale Iuliano e al bomber Diego Zerillo, autore della rete iniziale con la quale l’Audax Cervinara si era portata in vantaggio, che la classifica degli azulgrana è bugiarda. E a dire il vero le considerazioni di Iuliano e Zerillo non sono molto distanti dalla realtà.

La squadra azulgrana della presidente Barbara Aumenta Sabia, infatti, finora ha raccolto meno di quanto avrebbe meritato e della cosa ne è convinto anche il timoniere Salvatore Nastri.








Dopo un approccio timido, – dichiara – ho visto i ragazzi determinati e capaci di offrire una reazione degna di tal nome e non dico eresie se affermo che con un grande secondo tempo avremmo meritato anche di vincere, ma aver conquistato un punto va bene lo stesso perché facciamo smuovere la classifica e ci dà la consapevolezza di poter giocare alla pari con chiunque”. Il punto conquistato da Coquin e company fa abbandonare l’ultimo posto che finisce appannaggio del San Vito Positano e consente al Valdiano di braccare da vicino Virtus Avellino e Scafatese a quota dieci e solo un punto più sopra un’altra coppia composta da Solofra e Palmese con il Faiano lontano tre punti.

Con una gara da recuperare in casa con l’Agropoli, la graduatoria assume un aspetto non proprio fosco, anzi. Per la cronaca l’Audax Cervinara è passata in vantaggio al 18’ del primo tempo con Zerillo, mentre nella ripresa dopo aver sfiorato in almeno tre limpide occasioni il pareggio questo è stato ottenuto al minuto 28 con una sassata di Peccheneda, subentrato a Corsaro. Da segnalare le ottime prove degli under Casella e Isoldi, oltre ai quattro giocatori di colore in particolare Joof, vero metronomo della zona mediana e del debuttante dal primo minuto Gibba oltre a Doukourè e a Coquin le cui prestazioni di buon livello non sono una novità. E con queste prospettive la squadra si appresta ad affrontare la trasferta sul campo della Palmese dell’ex tecnico Vincenzo Criscuolo.

– Gerardo Lobosco –





































Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*