Dopo una cavalcata costellata da 12 vittorie ed un solo pareggio per lo Sporting Sala Consilina, leader indiscussa della serie C1 di calcio a 5 in Campania, il giro di boa, che è coinciso con l’ultima uscita ufficiale nell’anno solare, parte con il primo passo falso.

A fermare la marcia trionfale del team nero verde è stata la Frattese, terza forza in campionato ed indicata alla vigilia del torneo come una delle pretendenti al salto in serie B.

Che la trasferta in terra partenopea non fosse agevole e che presentasse alcune insidie era previsto anche alla luce della rivoluzione operata dal club napoletano che proprio la scorsa settimana ha cambiato guida tecnica e operato alcuni tagli con l’ingresso di nuovi protagonisti. Una scelta che alla luce del risultato ottenuto si è rivelata azzeccata.

Lo Sporting Sala Consilina del coach Darci Foletto per la prima volta in stagione si presentava al completo con tutta la truppa carioca a disposizione grazie ai recuperi di Cantieri, Vavà e Ferreira.

Una situazione che lasciava presagire una grande prova ma purtroppo per i tanti tifosi giunti al seguito della squadra al PalaCercola, così non è stato.

Nella prima frazione la squadra è apparsa impacciata tanto da subire il doppio svantaggio. A ridare speranze ai salesi ci ha pensato una rete di Cantieri che ha dimezzato le distanze ma la Frattese nella ripresa, anche grazie alle decisioni del direttore di gara molto contestate dal team salese, ha beneficiato di due tiri liberi in uno dei quali è andata a segno poi un errore di Gallon che agiva come portiere di movimento ed ha favorito il momentaneo 4-1.

La rabbiosa reazione finale ha dato allo Sporting Sala Consilina l’opportunità di sperare. Grazie a due reti di Bellaver, i salesi si sono avvicinati sul 4-3, un parziale che ha tenuto la gara aperta fino al triplice fischio senza però che la rimonta si completasse.

Per la truppa di Foletto è arrivato il primo ko. Una sconfitta che fa ridurre il vantaggio sulla seconda a 8 punti, sempre molto ampio.

Questo passo falso lascia l’amaro in bocca per come è maturato e se si vuole andare ad analizzare lo stop si prova a dare una doppia lettura: la squadra ha sentito troppo la gara nonostante il consistente vantaggio in classifica oppure è scesa in campo con la consapevolezza di poter vincere senza giocare.

Al tecnico Foletto il compito di valutare questa sconfitta e dare una risposta. Ora il campionato si ferma e la squadra avrà a disposizione 18 giorni prima di entrare in scena il 3 gennaio 2020 con la fase finale della Final Eight di Coppa Italia. Per il campionato l’appuntamento è per l’11 gennaio con il turno casalingo con l’Eden Acerra.

– redazione sportiva –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*