Buonabitacolo, scoppia la polemica dei genitori sul servizio mensa scolastica: “Gestione sconcertante”



































E’ polemica a Buonabitacolo dove i genitori della Scuola dell’Infanzia Comunale, attraverso una nota protocollata al Sindaco Giancarlo Guercio e all’Amministrazione comunale, hanno manifestato disappunto in merito al servizio mensa.

Lo scorso 17 ottobre, l’Amministrazione buonabitacolese, aveva reso pubblico un avviso in merito alla riattivazione del servizio mensa sottolineando che sarebbe rientrato nel Bilancio comunale insieme all’impegno a reperire le risorse economiche per sostenere le famiglie. Impegno quantificato al 36% della somma a carico dell’Ente.

Lo scorso 7 novembre – scrivono i genitori dei piccoli alunni – sul sito del Comune di Buonabitacolo è stato pubblicato l’avviso che informava dell’avvio della mensa. Nel documento, tuttavia, si evidenziano due tariffe differenti per i residenti e i non residenti”.








La tariffa mensa scolastica, occorre ricordare, ha un costo di 66 euro per i residenti e 79,20 euro per i non residenti. Quest’ultimi, inoltre, contano l’aggiunta di una tariffa mensile di 30 euro destinata all’Ente.

“Perchè si applica una tariffa differente – chiedono i genitori – visto che già pagano una retta annuale superiore per frequentare la scuola?Perchè tale discriminazione, a nostro parere sconcertante ed illegale?

I genitori, inoltre, chiedono inoltre: “Come mai, con una gara di appalto per il servizio mensa ancora da concludere, il Comune di Buonabitacolo ha già previsto anticipatamente le tariffe dei ticket pasti per i bambini? Dove sono destinate le differenze economiche, qualora ci fossero? Risulta legale acquistare il blocchetto mensa senza sapere il risultato della gara? E’ stato avviato un bando usando delle tariffe applicate con una delibera dello scorso febbraio”.

“Purtroppo – dichiarano alcuni genitori – si registra una mancanza di rispetto nei confronti dei cittadini da parte del Sindaco Guercio. Un esempio è il non presentarsi ad una riunione stabilita nei giorni scorsi con i genitori. Il Sindaco non solo non si è presentato ma non ha provveduto neanche ad avvisare. Eppure, molti di noi, erano presenti tra notevoli difficoltà lavorative”.

“In qualità di tutori dei diritti dei nostri figli – concludono – chiediamo dei chiarimenti sul servizio mensa“.

– Claudia Monaco –





































Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*