La civiltà del ventunesimo secolo non può tollerare la fame come piaga sociale. Anche per questo è sempre più urgente coniugare le ricchezze che ci offre il territorio con le povertà emergenti” . E’ questo l’assunto del consigliere regionale di Prospettive lucane, Carlo Trerotola, secondo cui un tale connubio potrebbe andare nella direzione di stimolare le coscienze verso sentimenti più genuini come la solidarietà che la società attuale sembra aver archiviato per far posto all’indifferenza.

Tutto parte da una recente inchiesta dei Centri di ascolto della Caritas lucana che evidenzia necessità di parte della popolazione lucana che sono persino di tipo alimentare. “Le sempre maggiori difficoltà economiche – afferma Trerotola – pongono queste persone in condizioni di vita tali che il rispetto verso la dignità umana non può e non deve tollerare, perché girare lo sguardo dall’altra parte significa offendere sè stessi e gli altri. Non potersi curare o, peggio ancora, nutrirsi male e poco a causa delle difficoltà economiche sono condizioni che stridono con la ricchezza del territorio lucano che, seppure in minima parte, devono essere destinati a queste drammatiche emergenze sociali”.

La Caritas lucana evidenzia che le difficoltà economiche di ciascuno si ripercuotono sulla qualità alimentare, determinando malattie cardiovascolari dipendenti da cattiva o insufficiente alimentazione.

A tali vere emergenze la Regione Basilicata ha il dovere di guardare e trovare soluzioni che tengano conto delle risorse di bilancio – continua il consigliere regionale -. Il petrolio è una risorsa del territorio che si traduce in una posta del bilancio regionale. Sento di chiedere all’intero Consiglio regionale di unirsi in questo accorato appello ed onerare la sensibilità del Presidente Bardi di iniziative concrete a sostegno dei ‘più sfortunati’. A loro i sentimenti di solidarietà e rispetto delle Istituzioni. I centri di ascolto diocesani potranno essere utili presidi sul territorio per monitorare le famiglie che versano in effettive condizioni di difficoltà”.

– Chiara Di Miele –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*