Operazione salvavita per il cane malmenato a San Rufo. Al via la colletta per pagare le cure



















Una colletta per un’operazione salvavita a Coccolino, il cane malmenato e lasciato agonizzante a San Rufo qualche giorno fa. Coccolino, così soprannominato dai cittadini, sta meglio ed è attualmente in clinica con due zampe fratturate.

Un passatempo per alcune persone senza cuore probabilmente, che, tuttavia, ha causato gravi sofferenze alla povera bestiola attualmente in cura presso la clinica veterinaria della dottoressa Doris Salluzzi. Coccolino dovrà ora sottoporsi a due delicati interventi che comporteranno una lunga degenza e l’ausilio di uno specialista in ortopedia veterinaria. Intervento che prevede un costo di circa 800 euro.

E’ partita, così, tra volontari e cittadini, una colletta per supportare il loro amico a quattro zampe, per tutti ormai una mascotte del piccolo centro montano. Sostenere le spese è possibile anche con un piccolo gesto rappresentato anche dall’equivalente del semplice costo di un caffè e poter aiutare Coccolino a recuperare la capacità motoria.






“Ci siamo attivati per una colletta – le parole di Maria Giovanna, la ragazza che lo ha trovato e se ne sta prendendo cura – pur di aiutare Coccolino. Non merita questo triste destino. Per i responsabili di questo gesto orrendo ci siamo attivati per la denuncia alle Forze dell’Ordine. Nel frattempo chiediamo un gesto di solidarietà non solo a San Rufo ma anche da altri paesi per aiutare questo nostro piccolo amico”.

Per offrire il proprio contributo è possibile rivolgersi a Maria Giovanna Palladino o tramite un versamento. L’IBAN sul quale effettuare il versamento è IT07Q0878476440010000014575. Sarà inoltre rilasciata una ricevuta della spesa dell’operazione che sarà poi resa pubblica con tutti gli accorgimenti del caso.

– Claudia Monaco –


  • Articolo correlato:

5/12/2017 – Cane malmenato ritrovato agonizzante a San Rufo. Lo sdegno di una ragazza:”Si divertono causando dolore”

 





















Comments are closed.