Alta percentuale di tumori nel Vallo di Diano e Cilento.Il senatore Castiello presenta un’interrogazione "I dati sono molto preoccupanti, bisogna far su questa drammatica situazione"





























Il senatore del Movimento 5 Stelle, Francesco Castiello, ha presentato un’interrogazione ai ministri della Salute e dell’Ambiente, Giulia Grillo e Sergio Costa, in merito all’alta percentuale di malattie tumorali registrata nel Vallo di Diano e nel Cilento.

Gli ultimi dati disponibili in merito alla diffusione delle malattie tumorali nelle zone del Cilento e del Vallo di Diano – spiega il senatore pentastellato – mostrano una situazione molto preoccupante. Infatti, su un campione significativo di assistiti residenti nella Provincia di Salerno, la percentuale di ammalati di cancro raggiunge quasi il 5% della popolazione, con picchi superiori anche alla media nazionale nei distretti di Vallo della Lucania e di Sapri. In queste zone la situazione è ancora più allarmante poiché la carenza di insediamenti industriali e di attività produttive rischiose per l’insorgenza di malattie oncologiche non giustifica i livelli rilevati della malattia. Sono presenti, inoltre, più indizi che inducono a ritenere che in varie località del territorio, particolarmente in occasione dell’esecuzione di lavori pubblici e di opere pubbliche, possano essere stati illecitamente occultati rifiuti pericolosi, che hanno vulnerato l’ambiente, e che le condotte adduttrici dell’acqua potabile sono ancora, in parte non irrilevante, costituite da tubazioni di cemento amianto, le cui fibre, diluendosi nell’acqua, favoriscono l’insorgenza di malattie oncologiche“.

Nell’interrogazione Castiello fa menzione agli archivi dei medici di medicina generale operanti in 70 Comuni a sud di Salerno, da Battipaglia a Sapri, da cui emerge che su un campione significativo di assistiti (196.892 unità) vi è un totale di ammalati di cancro per una media del 4,83% e che risulta che “le condotte adduttrici dell’acqua potabile sono ancora, in parte non irrilevante, costituite da tubazioni di cemento amianto le cui fibre, diluendosi nell’acqua, favoriscono l’insorgenza di malattie oncologiche“.







Dopo anni di silenzi e di mancate azioni di prevenzione, – sottolinea il senatore Castiello – adesso è giunto il momento di far luce su questa drammatica situazione che affligge i nostri territori. Per questi motivi ho chiesto al Ministro della Salute Giulia Grillo ed al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa di far luce, con tempestività ed efficacia, sulle sospette anomalie rilevate e di approntare le più adeguate misure dirette a prevenire e a contenere l’ulteriore diffusione sul territorio delle malattie tumorali”.

– Chiara Di Miele –





























7 Commenti

  1. Non dica bestialità. Se fosse a conoscenza di politici implicati nel traffico illecito di rifiuti pericolosi ,dovrebbe correre in Procura a denunciare.Altrimenti si astenga da accuse generiche e senza fondamento.

  2. Rosamaria Maiurano says:

    Il senatore Castiello conoscerà certamente la situazione delle fonderie Pisano di Salerno.
    Alte percentuali di malattie oncologiche mentre magistratura e politica si rimbalzano la palla e l’azienda non delocalizza.
    Spero tanto nei 5S

  3. Senatore, Castiello noi viviamo in una zona incotaminata, non vi sono industrie, ( vi sono tanti giovani disoccupati siano oltre 45% dei giovani) solo montagne, verde e mare, la percentuale é cosi alta dei tumore. Per primo é il tumore della tiroide, il secondo alla prostata e terzo al seno. Senatore la causa penso sia stato Cernobil. Cosa ne pensa???????

  4. Veramente importante è questa attenzione da parte del senatore. Speriamo che non sia solo chiacchiere ma anche i fatti. A voi la vigilanza di questo problema drammatico x noi e i nostri figli.

  5. Annamaria says:

    Sì interessa perché interessa sia la vita dei suoi cari sia i cittadini. Complimenti veramente perché indica che i pentastellati sono davvero per i cittadini, non come i ladroni precedenti. Parlo del vallo di diano, dove hanno sotterrato materiale tossico su quasi tutto il territorio salese e di Teggiano, pur di soldi. Non pensando alla propria salute familiare e dei cittadini

    • Non dica bestialità. Se fosse a conoscenza di politici implicati nel traffico illecito di rifiuti pericolosi ,dovrebbe correre in Procura a denunciare.Altrimenti si astenga da accuse generiche e senza fondamento.

  6. Davide orlando says:

    Bravo senatore Castello, la prima volta che qualcuno si interessa a questo grave problema.

Commenta la notizia

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*