Numerose le iniziative a Vietri di Potenza per dire “NO” alla violenza sulle donne.

Il mondo del volontariato locale, con il patrocinio del Comune, è sceso in campo per far sentire la propria voce. Le iniziative hanno preso il via domenica con un convegno, dal titolo “Stop alla violenza” sulle donne, alla presenza del sindaco Christian Giordano del parroco don Mario Gioia, del Comandante Compagnia Carabinieri di Potenza, il Capitano Alberto Calabria e della psicologa e psicoterapeuta Antonella Lucia Marzario.

Durante la serata, con le scarpe rosse all’ingresso della sala consiliare, protagonisti anche i volontari e gli alunni con alcune letture, mentre è stato proiettato anche un video realizzato dai volontari sul tema.

Il paese nei due giorni si è colorato di rosso: il monumento dell’Epitaffio, i gradini dell’amore, le panchine di Corso Vittorio Emanuele, la fontana. I volontari hanno consegnato ai cittadini un bracciale di colore rosso, simbolo della lotta alla violenza sulle donne.

Nella giornata del 25 novembre, dopo la Santa Messa, si è tenuta una fiaccolata in memoria delle vittime di femminicidio. A capo del corteo uno striscione che recitava “Ci si nasconde per fare l’amore mentre la violenza si diffonde apertamente”.

La fiaccolata si è fermata nei pressi della panchina rossa dove è  stata inaugurata una mattonella riportante la scritta “Stop violenza sulle donne”. Iniziative queste promosse dalla Protezione Civile, Vietri & La Movida e volontari del Servizio Civile del Comune con il supporto dell’Ordine degli Psicologi di Basilicata.

Inoltre si sono tenute anche altre iniziative a cura delle associazioni Croce Rossa, Agio, Avis, Cap e Teatrando. In particolare, è stata addobbata la Piazzetta del Donatore con le scarpe rosse, è stato piantato un albero di acero rosso nel giardino dell’asilo comunale ed è stata apposta una targa oltre all’installazione di un quadro davanti al Comprensivo e numerose scritte lungo Corso Vittorio Emanuele per dire “NO” alla violenza sulle donne.

-Claudio Buono-

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*