Positivi al Covid-19 dopo il tampone rapido, rifiutano le cure e di aprire la porta di casa. Per questo motivo a Vietri di Potenza si è reso necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco per entrare all’interno di un’abitazione e fare il punto della situazione clinica di due fratelli, di 87 e 90 anni.

Per entrare, i caschi rossi sono riusciti a forzare una finestra e poi ad aprire la porta. All’interno i due anziani, di cui uno a letto. I sanitari, indossati i dispositivi di protezione, hanno visitato i due, invitando entrambi al ricovero in ospedale. Solo uno dei due alla fine si è convinto ed ha accettato il ricovero, per essere poi trasferito al “San Carlo” di Potenza. L’altro riceverà assistenza a casa. Entrambi hanno bisogno di essere sottoposti a cure per combattere il Covid-19.

Già dai giorni scorsi per i due fratelli si era mosso il Comune, con il sindaco Christian Giordano, che ha provato più volte, tramite le autorità sanitarie, a garantire l’assistenza ai due anziani. Nel pomeriggio, grazie anche ad un lavoro di coordinamento, i sanitari sono riusciti ad entrare e a far capire ai due la situazione, riuscendo a convincere solo uno di loro al ricovero. I fratelli, dopo aver avuto un contatto con una persona poi risultata positiva al virus, sono stati sottoposti al tampone rapido, che ha dato positività. Da qui, al via la quarantena all’interno della loro abitazione nel centro abitato di Vietri. Ma per alcuni giorni di loro non si è avuta alcuna notizia. In tanti si erano preoccupati, anche i volontari della Croce Rossa che nella serata di ieri sono riusciti solo a parlargli, visto il rifiuto di aprire la porta.

Sul posto sono intervenuti, oltre ai Vigili del Fuoco, i Carabinieri della locale Stazione, la Polizia Locale, i sanitari del 118 Basilicata Soccorso e il dottore Giuseppe Di Carlo. Qualcuno, invano, ha anche fatto recapitare dei pasti ai due anziani che però sono rimasti davanti alla porta, visto il rifiuto ad aprire. Una storia che si spera possa avere lieto fine con le cure del caso.

– Claudio Buono –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*