Protagonista dell’intervista di oggi è Tiziana Ruocco, titolare dell’Agenzia Viaggi Ruocco. La situazione legata ai trasporti, il concetto di viaggio e le criticità da affrontare sono alcune delle tematiche sviluppate

D. – Di cosa si occupa l’agenzia? Quando e come è nata?

R. – “E’ nata all’inizio degli anni ’40 come trasporto per gli studenti da Teggiano a Sala. Nel corso degli anni si  sono aggiunti i collegamenti regionali e poi, negli anni ’90, quelli nazionali”

D. – Qual è lo stato di salute del settore e della sua agenzia nello specifico? Si sente la crisi?

R. – “La situazione relativa al trasporto pubblico locale è penosa, anche a causa dei tagli da parte della Regione che hanno comportato la diminuzione delle percorrenze chilometriche delle aziende della provincia di Salerno. Le linee nazionali vanno, invece, abbastanza bene anche per via del costo del gasolio. La richiesta è alta soprattutto per il trasporto dei pacchi. Non si viaggia tanto ma si inviano i pacchi “agricoli”. Mentre tra i problemi maggiori rientra la burocrazia, che è un virus dilagante e l’aumento ingiustificato del costo del carburante. Fuori dall’Italia le cosa vanno diversamente e finiscono per limitare la competitività. I controlli sono carenti. Alcuni fanno bene, quindi, a fare gli abusivi, visto che nessuno se ne interessa…”

D. – Quali le differenze, se ci sono, rispetto a 10 anni fa?

R. – “È cambiato il flusso di traffico. Le vacanze si fanno sempre, molti continuano ad andare a Rimini, ma è aumentato il numero di lavoratori che viaggia. Prima si vedevano più studenti, molti dei quali diretti a Salerno, ma anche alle università di Perugia ed Urbino. Ora si sono aggiunte nuove destinazioni, tra cui Pesaro, Rimini, Bologna, Padova e Venezia. Sono molti anche gli insegnanti che si spostano. Le tariffe alte dei treni fanno sì che i pullman siano sempre più utilizzati”

D. – Come si vede tra 10 anni e come vede la sua azienda?

R. – “Sono convinta che si registrerà il ritorno del fenomeno relativo ai viaggi di gruppo. Per ragioni legate ai costi ed alla voglia di un maggiore senso di condivisione ed amicizia, le crociere si faranno in autobus”.

– Cono D’Elia –

– messaggio promozionale –


 

Commenti chiusi