Alcune famiglie hanno segnalato alla sede del Codacons Vallo di Diano che in questo periodo stanno ricevendo dalle segreterie degli Istituti della scuola secondaria di secondo grado i moduli per l’iscrizione degli studenti agli anni successivi al primo. In questi moduli sono richiesti i versamenti per tasse di frequenza e di iscrizione ed è previsto un contributo liberale di una ulteriore quota stabilita dai singoli Istituti avente come finalità l’ampliamento dell’offerta formativa e l’innovazione tecnologica.

Al riguardo, il Codacons ha inteso fare chiarezza e ha spiegato che per quanto riguarda i versamenti delle tasse di frequenza e di iscrizione “è possibile usufruire di esonero per merito, per motivi economici e per appartenenza a speciali categorie di beneficiari. Confortati anche dal parere delle locali Segreterie, il contributo liberale è da ritenersi del tutto volontario. Infine, per tutti i versamenti effettuati è possibile avvalersi di detrazione fiscale”.

Il Codacons, inoltre, ha chiesto, facendo leva sulla sensibilità dei Dirigenti Scolastici nei confronti delle attuali difficoltà economiche di alcune famiglie, di fornire “maggiori dettagli, nella modulistica, circa la possibilità di esonero dalle tasse di frequenza e di iscrizione e circa l’impiego delle risorse raccolte con contributi volontari delle famiglie, il cui importo è stabilito, anno dopo anno, dal Consiglio di Istituto. Si chiede inoltre di indicare chiaramente che tali fondi saranno utilizzati esclusivamente per interventi di ampliamento dell’offerta formativa e dell’innovazione tecnologica e non per attività di funzionamento ordinario e amministrativo”.

Infine si è richiesto di informare le famiglie circa la possibilità di avvalersi della detrazione fiscale per tutti i versamenti effettuati.

– Claudia Monaco –

Un commento

  1. MICHELE says:

    E da precisare anche, questo è molto importante, che nel contributo volontario , la quota maggiore è rappresentata dal costo della assicurazione sui ragazzi non solo dell’offerta formativa e dell’innovazione tecnologica.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*