Una studentessa ventenne, dopo aver fatto l’autostop, è stata violentata. Come si legge sul quotidiano La Città di Salerno, in un articolo a firma del giornalista Vincenzo Rubano, il terribile fatto è accaduto a Vallo della Lucania, dove ieri mattina un operaio di Moio della Civitella è stato arrestato dai Carabinieri con l’ accusa di violenza sessuale.

R. P., che già nel passato era stato arrestato per lo stesso tipo di reato, avrebbe fatto salire in auto la ragazza e poi iniziato ad abusare di lei. In seguito avrebbe riaccompagnato la ragazza, intimandole di non parlare a nessuno di quanto accaduto. La malcapitata però, dopo giorni di silenzio, è riuscita a raccontare tutto ai Carabinieri.

Le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Valeria Palmieri, sono partite repentinamente e così la povera ragazza ha dovuto raccontare tutti i particolari della barbara violenza subita. “Ho deciso di denunciare lo stupratore – ha spiegato – per evitare che altre ragazze possano finire nella rete di quest’uomo“.

Gli inquirenti hanno ricostruito l’accaduto e il pm ha ordinato una perizia ginecologica sulla ventenne. La brutta storia si è conclusa ieri mattina, quando i militari della Stazione di Vallo della Lucania, agli ordini del Maresciallo Salvatore Sergi, hanno arrestato lo stupratore a seguito di un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip del Tribunale di Vallo della Lucania.

L’uomo ora si trova nella Casa Circondariale di Vallo della Lucania e nelle prossime ore l’operaio sarà interrogato dal gip.

– redazione – 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*