Verrà inaugurato a Vallo della Lucania il 24 ottobre alle ore 16.00 Palazzo Mainenti, sede istituzionale dell’Ente Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, alla presenza del Commissario straordinario Amilcare Troiano e del Direttore Angelo De Vita.

Il progetto di recupero, restauro e valorizzazione di Palazzo Mainenti nasce grazie ad una sinergia di intenti e di operatività che ha visto impegnati la Soprintendenza BAP di Salerno e Avellino, a seguito dell’Accordo di Programma stipulato dai due Enti il 2 aprile 2007.

Il palazzo è appartenuto alla famiglia Mainenti fino a pochi anni fa, quando l’ultimo proprietario lo cedette all’Ente Parco. L’ampliamento del palazzo all’inizio dell’800 si attribuisce ad Eugenio Mainenti, una delle figure di maggior spicco della famiglia, essendo stato il primo sindaco di Vallo tra il 1808 e il 1809.

Il palazzo rappresenta uno dei più importanti esempi di palazzo signorile del Cilento, soprattutto per il notevole apparato decorativo, costituito da soffitti decorati e da dipinti parietali, dalle facciate impreziosite da cornici e decorazioni in stucco, per la ricchezza degli infissi interni ed esterni, per gli intonaci a stucco originari e i pavimenti decorati dei primi anni del 900 presenti in alcuni ambienti.

L’intervento, che si è articolato su cinque lotti, tutti con risorse a valere su fondi di bilancio dell’Ente Parco, ha riguardato il miglioramento strutturale del fabbricato, con il rifacimento delle coperture e degli impalcati, il restauro di tutti i soffitti decorati, dei dipinti parietali e degli infissi originali, il rifacimento degli infissi mancanti, la realizzazione degli impianti e di tutte le opere di finitura. Con la conclusione dei lavori si restituisce all’intero territorio questo splendido edificio, sede dell’Ente Parco, riportato all’antico splendore e valorizzato in tutti i suoi elementi architettonici e storico-artistici.

– redazione – 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*