Il segretario provinciale della UIL Federazione Poteri Locali, Lorenzo Conte, attraverso un comunicato stampa rivolge un appello a tutti i sindaci del Vallo di Diano, affinchè si attivino per far si che le lavoratrici delle Cooperative sociali affidatarie dei Servizi Sociali del Piano di Zona del Vallo di Diano vengano retribuite.

“Non si può pretendere – scrive Conte – di farle lavorare e non venire pagate. L’assistenza agli anziani ed alle persone disagiate del territorio viene eseguita con spirito di dedizione e senza venir meno ai propri compiti, la stessa continua senza interruzione. Questa situazione non può continuare, non si può solo dire la Regione Campania non paga ed ha ridotto i fondi, anche se bisogna affermare che questa è la dura realtà”. La UIL attacca anche quei comuni che ricadono nell’ambito del Piano di Zona ex S4 che non hanno ancora saldato i debiti contratti con lo stesso per i servizi ricevuti.

Sulla vicenda è intervenuto il responsabile del Piano sociale di Zona s10 (ex S4) Antonio Domenico Florio. “La situazione è drammatica ha spiegato Florio – perchè i fondi vengono progressivamente ridotti. Negli ultimi due anni abbiamo perso circa 1 milione e 500mila Euro di risorse. Mentre l’anno scorso al piano di zona di Sala Consilina sono arrivati 820 mila Euro dal Fondo Nazionale per le politiche sociali, quest’anno l’importo è stato dimezzato a 460mila Euro. L’alternativa sarebbe quella di interrompere i servizi. Ma noi non vogliamo questo per evitare disagi ai nostri assistiti e alle loro famiglie. Riusciamo ad andare avanti e a reperire un minimo di fondi grazie alle progettualità alternative e il nostro obiettivo è quello anche di mantenere i posti di lavoro dei nostri operatori contrariamente, invece, a quanto accade ed è accaduto in altri Piani di Zona dove gli operatori sono stati lasciati a casa”.

Florio ha annunciato che nei prossimi giorni convocherà tutti i sindacati per dare vita ad un tavolo di concertazione in vista della programmazione delle attività future.

– Erminio Cioffi –


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*