9 Agosto 2022

3 thoughts on “Vallo di Diano: trasporto pubblico caotico e costoso. La denuncia del Comitato Pendolari Vallo di Diano

  1. Quanto sostenuto dal dr Panetta e’, purtroppo, la sacrosanta verità’. Alcuni comuni si stanno adeguando, molti altri no.
    Perché’ non redigere un unico documento (utenza ed aziende) e sensibilizzare tutti i comuni del comprensorio?
    Rivolgo l’invito al dr. Panetta ed al dr. Ferrigno: lor Signori possono inviare alla mail info@autolineecurcio.it un recapito telefonico e sarà’ nostra cura contattarli.

  2. Condividiamo le problematiche evidenziate nell’articolo e, con l’occasione, ricordiamo che rispetto al 2011 le risorse destinate al finanziamento del trasporto pubblico locale (ed in proporzione i servizi erogati) sono state ridotte del 35%: dalla Regione Campania per 26% e dalla Provincia di Salerno per il 9%.
    Con queste premesse è difficile garantire un livello “quantitativo” di servizi di trasporto pubblico locale diverso dall’esistente.

  3. Si sono dimenticati del FATTO che, con esclusione del Servizio Sostitutivo di TRENITALIA, NON ESISTONO in TUTTO il Vallo di Diano, le FERMATE regolamentari, secondo il Codice della Strada, degli AUTOBUS di LINEA. Questo significa, sul piano legale, che su TUTTI GLI AUTOBUS di linea NON possono SALIRE e SCENDERE i viaggiatori dagli autobus, IN TUTTO il nostro comprensorio. Facciamo pure gli scongiuri,ma c’è ne accorgeremo al prossimo incidente stradale!

Comments are closed.