Vallo di Diano: Nessun ferito a causa dei botti. Decine di Carabinieri in servizio durante la notte di Capodanno



































Nessun ferito a causa dei botti, nessun furto, nessun incidente stradale e nessuna rissa. E’ iniziato nel migliore dei modi il 2014 nei comuni del Vallo di Diano, per la prima volta, infatti, da almeno 5 anni non si registrano episodi di cronaca nera sia nella notte del 31 dicembre e nell’intera giornata del 1° gennaio.
Allo scoccare della mezzanotte, anche se in maniera molto più soft rispetto al passato, il cielo del comprensorio è stato colorato dai fuochi d’artificio, ma quest’anno per fortuna è mancato il colore blu dei lampeggianti delle ambulanze.
Nei locali, i festeggiamenti sono andati avanti fino all’alba tranquillamente, si registra solo il ricovero all’ospedale di Polla di una ragazza che aveva esagerato con l’alcool ma fortunatamente le sue condizioni di salute non destano preoccupazione. Notevole è stato il dispiegamento di pattuglie dei Carabinieri lungo le principali arterie stradali.
La presenza dei militari dell’Arma fino all’alba è stata un ottimo deterrente e sicuramente ha evitato che alla guida si mettessero persone che avevano alzato il gomito. ‎ Allargando lo sguardo a tutta la provincia di Salerno per quanto concerne il “bilancio di fine anno” con riferimento agli incidenti a causa dell’accensione di artifici pirotecnici questo è meno pesante rispetto al recente passato.‎

Infatti, in tutta la Provincia si segnalano complessivamente 20 feriti, 8 dei quali nella Città di Salerno, di cui uno ha subìto l’amputazione di un dito, mentre un secondo ha riportato lesioni ad una gamba ed è stato ricoverato presso l’Ospedale “Ruggi D’Aragona” con una prognosi di 30 giorni per lesioni ad una gamba.

Ad Agropoli, invece, un cittadino marocchino trentatreenne ha riportato l’amputazione di tre dita della mano destra dopo aver maneggiato un artifizio inesploso.‎ I reparti dipendenti dal Comando Provinciale Carabinieri di Salerno hanno impiegato in servizio  tra la serata del 31 dicembre ed il 1° gennaio 201 pattuglie con un bilancio di oltre 1500 persone controllate. ‎

I Carabinieri invitano a prestare attenzione in questi giorni ad eventuali petardi inesplosi evitando di raccoglierli da terra perchè anche a distanza di giorni potrebbero improvvisamente esplodere.








– Erminio Cioffi – ondanews –

 



































Commenti chiusi