Nuovo terremoto giudiziario per la Monte dei Paschi di Siena. Il gip di Vallo della Lucania, Valeria Campanile, su richiesta del pm Alfredo Greco, ha rinviato a giudizio l’ex presidente di Mps Giuseppe Mussari, coinvolto anche nelle indagini sul reato di usura bancaria insieme ad altre 61 persone, e l’ex direttore generale Antonio Vigni per il reato di usura bancaria.

La decisione è stata presa in un procedimento avviato dopo l’esposto di un imprenditore di Agropoli che lamentava di aver pagato, fra il 2006 e il 2008, tassi d’interesse troppo alti per un prestito accesso presso la filiale di Agropoli del Monte dei Paschi di Siena.  A suo dire, a fronte di un tasso soglia medio del 14,753 per cento, la banca avrebbe riscosso un Teg medio, che è il tasso effettivo globale, di quasi il 35 per cento.

Mussari e Vigni sono finiti nell’inchiesta perché, in qualità di presidente e direttore generale – stando all’accusa – avrebbero autorizzato interessi usurari ai danni del cliente della banca.

– redazione –


 

Commenti chiusi