Oggi il Commissario straordinario per l’emergenza Covid, il Generale Figliuolo, e il Capo della Protezione Civile, Curcio si sono vaccinati contro il virus al drive through del Ministero della Difesa alla Cecchignola a Roma. In occasione di questo evento è stato proprio Figliuolo a fornire delle informazioni in merito all’evoluzione della campagna vaccinale nei prossimi giorni.

Partendo dal presupposto che è slittato al 24 marzo l’arrivo in Italia di 134mila unità di AstraZeneca a causa di motivi logistici legati alla sospensione precauzionale dei giorni scorsi, bisogna sottolineare che sia a Figliuolo che a Curcio è stata inoculata una dose del vaccino anglo-svedese che giovedì è stato ri-autorizzato dall’Ema dopo una serie di problemi sorti in seguito ad alcune reazioni avverse.

Come annunciato dal Commissario per l’emergenza sanitaria, il vaccino Johnson & Johnson arriverà in Italia nella seconda metà di aprile e per quel periodo l’obiettivo è quello della somministrazione di 500mila dosi al giorno. Adesso ci sarà un’accelerazione” ha sottolineato il Generale dell’Esercito.

Johnson & Johnson, che distribuisce un vaccino monodose, nel secondo trimestre dovrebbe consegnare all’Italia 7,3 milioni di dosi e potrebbe essere distribuito nelle farmacie. Per quanto riguarda, invece, il vaccino Moderna, sono 344mila le dosi in arrivo tra oggi e domani in Italia. Le fiale dall’hub di Pratica di Mare saranno distribuite nei centri vaccinali delle varie regioni. Si tratta finora del più grosso carico singolo fornito da Moderna.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*