Un medico e quattro infermieri sono stati assolti per la morte di un 45enne di Sanza che nel marzo 2012 cadde dal secondo piano dell‘ospedale “Curto” di Polla.

Si è concluso il processo presso il Tribunale di Lagonegro a carico del dottore Giovanni Rodio e di 4 infermieri che all’epoca dei fatti lavoravano a Polla. L’accusa era di omicidio colposo in concorso per la morte dell’uomo.

La notte dell’incidente il 45enne si era allontanato in stato confusionale dal reparto dove era ricoverato. In seguito aveva scavalcato la ringhiera del balcone posta sul pianerottolo tra il secondo ed il primo piano, a circa sei metri d’altezza dal suolo. In seguito, a causa del buio e del suo stato allucinatorio non si era reso conto dell’altezza ed era precipitato al suolo.

La richiesta di rinvio a giudizio aveva coinvolto inizialmente anche Silvio Sanseviero, medico di guardia interdivisionale che aveva constatato lo stato di confusione e di agitazione del paziente. Il Giudice dell’Udienza preliminare aveva però stabilito di non dover procedere per Sanseviero e aveva mandato a processo gli altri imputati.

Dopo aver ascoltato i testimoni e non aver rilevato alcun elemento a carico degli imputati, il Pm ha richiesto la non punibilità per tutti i coinvolti perché il fatto non sussiste.

Il Giudice ha accolto tale istanza ed ha assolto tutti gli imputati.

– Claudia Monaco –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*