red canzian università salerno 01Ha promesso di tornare all’Unisa insieme ai colleghi e amici dei Pooh. Red Canzian, bassista e cantante di una delle band più longeve della storia, è stato oggi protagonista di uno degli incontri promossi in ateneo da Davimedia. Gli studenti e i fan hanno così potuto incontrare e conoscere l’artista, che ieri sera si è esibito live sul palco del teatro del campus di Fisciano insieme ad alcuni componenti della camerata strumentale universitaria.

“Un’orchestra di giovanissimi – ha commentato Canzian – che ha respirato all’unisono con me la mia musica”.

Red, all’anagrafe Bruno, ha così potuto presentare i suoi progetti da solista. Un album, “L’istinto e le stelle”, ed un docu-film, “Lo sguardo e la pelle”, in cui esprime tutto se stesso ed il legame intrinseco con la musica: “Ho voluto rintracciare scintille che a 13 anni mi hanno fatto capire che la mia vita sarebbe stata la musica. La mia musica nasce dal bisogno di raccontare”. Un racconto intervallato da brevi accenni musicali a cappella, che ben esprimono la natura di questo suo ultimo lavoro: “Io sto bene quando faccio il mio mestiere. Il mio disco è fatto completamente a mano, la musica è reale e pura”. “L’imperfezione nell’esecuzione di un musicista – ha confessato durante l’incontro di questa mattina nell’aula Nicola Cilento – rende calda la musica, la macchina li rende invece dei soldati. L’emozione che può dare uno strumento non è paragonabile a quella che può dare uno smartphone”.red canzian università salerno 02

Evidentemente stupito dalla realtà dell’università di Salerno, ha commentato: “Faccio i miei complimenti a questo Sud poco raccontato. Questa università è un’eccellenza” ed ha promesso ai presenti, con i quali si è trattenuto a lungo per autografi, baci e foto, che ritornerà a Fisciano con la formazione dei Pooh al completo e con un suo giovane chitarrista per una masterclass sulla composizione di testi e musica.

Intanto cresce l’attesa per l’arrivo in ateneo di Massimo Ranieri, previsto per venerdì alle ore 15.30.

– Gianpaolo D’Elia –


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*