Nonni, genitori e figli uniti in ateneo da Massimo Ranieri. Il teatro del campus di Fisciano a stento ha contenuto quanti hanno preso parte all’incontro di ieri con l’artista napoletano, salito in cattedra grazie a Davimedia. Pur abituato ai grandi pubblici, quello degli universitari salernitani lo ha emozionato particolarmente: “Sono commosso, non pensavo di trovare una platea così grande. È una gioia“.

Un appuntamento imperdibile con un cantante e attore di teatro di altissimo livello, che negli anni ha portato in scena la Napoli ed il Meridione più veri. Se non fossi nato a Napoliha raccontatonon sarei così. Ricordo un aneddoto molto simpatico con un amico di vecchia data, un certo Gianni Morandi. Una volta mi disse: ‘Se c’è una cosa che ti invidio, è il fatto che tu sia nato a Napoli e io a Bologna’ ”.

È giovanissimo Ranieri quando viene notato da un talent scout. Aveva iniziato a cantare costretto dagli amici che minacciavano di buttarlo a mare, pur non sapendo nuotare. A 14 anni debutta nel mondo della musica: “Mi è mancata molto la scuola, alla mia epoca si doveva marinare purtroppo per fame. Si era costretti a non doverla frequentare“. Si racconta senza remore, fiero. Quell’infanzia dura ha sicuramente temprato il carattere di un ragazzino che poi ha conquistato un posto nell’Olimpo dello spettacolo italiano: “Vi invidio – ha ribadito – Siete fortunati, molto fortunati“.

Occhi espressivi, grandi sorrisi ed il borsalino che spesso porta nei suoi spettacoli, Massimo Ranieri ha interloquito a lungo con i presenti, tra i quali l’amico e collega attore Enzo De Caro, che alla platea e al rettore Tommasetti, che ha presenziato all’incontro omaggiando l’artista con un cadeau, ha lanciato una proposta: “Bisogna porre rimedio alla quinta elementare di questo uomo con una laurea honoris causa a Massimo”. Un appello che, probabilemente, non resterà inascoltato dal Dipartimento di Arte, Musica e Spettacolo dell’università salernitana.

– Gianpaolo D’Elia – 


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*