L’arte che prende forma e si trasmette attraverso delle rappresentazioni teatrali, questo è il principio sul quale si basano le opere messe in scena dalla compagnia “Malatheatre Ludovica Rambelli Teatro” creata nel 2006 dalla regista Ludovica Rambelli. 23 opere del Caravaggio che vengono rappresentate in modo “vivo” per trasmettere al pubblico l’essenza dell’opera.

La compagnia composta da 8 attori, 4 donne e 4 uomini, è sempre in giro per l’Europa: Portogallo, Russia, Spagna, Francia per rappresentare i Tableaux Vivants del Caravaggio. Un successo internazionale nato dall’intuizione della regista che in occasione di una lezione da tenere presso l’Università di Aversa sulle opere del Caravaggio decise di non fare la solita lezione statica ma di dare un’anima alle opere che avrebbe descritto agli studenti. Tra gli attori ci sono anche due cilentani, Laura Lisanti di Futani e Andrea Fersula di Scario.

Ho avuto il piacere di conoscere la regista durante un laboratorio che tenne all’Accademia delle Belle Arti a Napoli – dichiara Fersula – da allora faccio parte della sua compagnia e ne sono fiero. Il nostro è un esercizio in continuo divenire ed è proprio questo che rende viva l’opera, la volontà di non fissarla, la dinamicità della rappresentazione, altrimenti risulterebbe una bella ma inutile copia del quadro. Per realizzare tutto questo ci vuole da parte nostra un’opera di svuotamento e di annientamento senza aggiungere altro“.

Fanno inoltre parte della compagnia Claudio Pisani, Ivano Ilardi, Paolo Salvatore, Serena Ferone, Antonella Mauro, Chiara Kija e l’aiuto regista Dora De Maio che ogni settimana realizzano uno spettacolo al “Museo Diocesano” di Napoli.

– Maria Emilia Cobucci –

 

 

 

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*