Sono cadute le aggravanti per la crudeltà in Corte d’Appello con una riduzione di pena da 30 a 16 anni per l’indiano Harmandeb Singh.

L’uomo uccise il suo collega Lakhvor Singh a Eboli nel settembre 2018.

Singh, con un coltello da cucina, colpì il collega mentre dormiva nella stessa stanza in cui abitavano insieme. Tutti e due, infatti, lavoravano presso una stessa azienda bufalina ad Eboli tra località Cioffi e Campolongo.

Secondo la difesa, l’uomo, stanco di subire continue vessazioni dal collega sul posto di lavoro, al culmine di un litigio aveva impugnato l’arma.

In primo grado i Giudici non avevano accolto questa tesi difensiva mentre la Corte d’Appello ha concesso le attenuanti del caso.

– Claudia Monaco –

 

 


  • Articolo correlato:

11/05/2019 –Uccise a coltellate il collega connazionale ad Eboli. Condannato a 30 anni di carcere un operaio indiano

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*