Il consigliere comunale di opposizione al Comune di Castellabate, Luigi Maurano, affronta la tematica del turismo nella cittadina divenuta meta di tanti soprattutto per i luoghi simbolo del film “Benvenuti al Sud” ma anche per gli angoli storici e paesaggistici. Secondo Maurano negli ultimi anni la caratteristica che univa tutti i turisti giunti a Castellabate era una “sensazione di smarrimento“.

È evidente – afferma – che c’è una carenza di offerta informativa che condiziona e a volte limita il soggiorno nel territorio. Tolta qualche iniziativa prettamente privata e per questo circoscritta, manca l’attenzione politica su questo tema fondamentale per il miglioramento e quindi per lo sviluppo del turismo. Il Comune di Castellabate è ricco di storia che deve essere valorizzata e raccontata: il Castello dell’Abate, il porto greco-romano, i centri storici, la cava dei rocchi, il villaggio dei Trezeni, la torre e il borgo marinaro di Santa Maria, il mito della sirena Leucosia e la realtà eroica del Velella, il museo dell’arte sacra e quello dei pescatori. Secoli di storie, di aneddoti, di tradizioni, di miti, di arte, di cultura. Per questo bisogna creare dei percorsi tematici che abbraccino tutto il territorio e che portino sviluppo anche per le attività commerciali presenti. E bisogna farlo utilizzando tutti i canali comunicativi a disposizione“.

Da ciò nasce l’idea di istituire una nuova figura stabile all’interno del Comune di Castellabate: la guida turistica comunale, che informi, indirizzi e accompagni i turisti verso la vera scoperta storica, culturale e paesaggistica del territorio e nei periodi di bassa stagione svolga lavoro di ricerca e organizzazione delle azioni da mettere in campo per arricchire e migliorare ogni anno i servizi e l’esperienza degli ospiti. In questo modo gruppi di turisti potranno prenotare in anticipo il proprio percorso guidato per visitare Castellabate oppure potranno trovare, nei luoghi di maggiore interesse storico, specifiche figure pronte ad accompagnarli alla scoperta dei luoghi.

Si potrebbe immaginare – prosegue Maurano – anche un servizio informativo all’interno della navetta che dovrebbe collegare la Stazione di Agropoli-Castellabate con il nostro comune. Tali figure potremmo chiamarle operatori culturali. Con apposito bando e meritocratica selezione avranno il compito di supportare la guida turistica comunale. Perché la cultura, al pari dell’ambiente, ha bisogno di persone che mettano a disposizione della collettività il proprio impegno, la propria professionalità, il proprio sapere“.

Un servizio nuovo ed essenziale per il territorio – conclude – che garantirebbe nuove opportunità di occupazione per le ragazze e i ragazzi del nostro territorio e miglioramento dell’offerta turistica. Tutto ciò è finanziabile con una parte delle risorse correnti e anche attraverso specifici contributi da parte di Enti sovracomunali (Ministero della Cultura e del Turismo, Regione Campania). Da queste azioni, da queste scelte e da questi servizi passa la qualità del turismo. Il Comune di Castellabate lo merita“.

– Chiara Di Miele –

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*