“Dall’incontro del 1° settembre a Salerno con l’assessore provinciale ai Trasporti Michele Cuozzo è emersa la conferma della volontà da parte della Regione Campania di mettere in mano ai privati l’autoservizio sostitutivo cancellando quello di Trenitalia e dunque contribuendo definitivamente a far sparire nei prossimi mesi la linea ferroviaria valdianese dagli orari ferroviari”. Questo è quanto  affermato, in un comunicato stampa, dal Comitato per la riattivazione della ferrovia Sicignano-Lagonegro.

Una notizia che, anche attraverso il social network facebook,  ha scatenato lo sdegno e l’ira dei tanti utenti che usufruiscono del servizio. Per fare chiarezza sulla vicenda, la nostra redazione ha contattato proprio l’assessore ai Trasporti della Provincia di Salerno Michele Cuozzo.Non è assolutamente così, è piuttosto un problema di merito. Il servizio per i clienti non cambierà, sarà lo stesso con la variante della riduzione di costo del bigliettoha detto l’assessore Cuozzo – Trenitalia gestisce attualmente il servizio di trasporto e lo ha subappaltato ai privati, con un ritorno economico anche da parte della società italiana Ferrovie dello Stato e di conseguenza con un aumento di costo del biglietto nei confronti dei fruitori. La Regione Campania – ha concluso Cuozzo – per venire incontro agli utenti e per evitare aggiunta di costi tratterà direttamente con le società di trasporto privato, ma il servizio resterà lo stesso”.

Giovanna Quagliano


  •  Articolo correlato

3/09/2014 – Riprendono i lavori del Comitato per la riattivazione della Sicignano–Lagonegro: “Ci vogliono togliere i sostitutivi”


 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano