giovanni femminellaNella tragedia che ha sconvolto Sassano, anche lo sport piange. Tra le quattro giovanissime vittime, infatti, c’è anche un calciatore: Giovanni Femminella, 16 anni, che da qualche settimana aveva cominciato ad allenarsi con la squadra cittadina che milita nel campionato di promozione al cui timone c’è Giovanni Cammarano.

E proprio Cammarano, che ha visto muovere i primi calci al pallone quando era tecnico della scuola calcio Bruscolotti, straziato dal dolore ha ricordato il suo giovane allievo.

D. – Che ragazzo era Giovanni Femminella?

R. – “Un ragazzo davvero d’oro e non è una frase fatta, l’ho visto crescere calcisticamente come pure il fratello Nicola, purtroppo anch’egli è rimasto vittima di questa tragedia, non riesco a farmene una ragione. Per me era come un figlio”

D. – Giovanni, che nel suo percorso calcistico si era trasferito con il Lagonegro Soccer dove aveva fatto parte delle squadre giovanili, da qualche settimana aveva deciso di tornare a Sassano. Come era stato accolto dai compagni?

R. – “Tutti i compagni con grande entusiasmo hanno fatto festa quando hanno saputo del ritorno di Giovannino, conoscendo la sua giovialità e la sua grande voglia di giocare al calcio ma soprattutto per il suo modo di fare gruppo e coinvolgere tutti con la sua innata solarità. In particolare con Pirozzi, c’era un feeling straordinario”

D. – Quando ha cominciato a giocare e in che ruolo veniva schierato in campo?

R. – “Fin da quando ha cominciato a frequentare la scuola calcio Bruscolotti dall’età di sei anni, avevo notato in lui buone qualità tecniche e con il trascorrere degli anni aveva trovato la sua collocazione come esterno di centrocampo dove si segnalava per la sua rapidità e per la buona visione oltre che per la tecnica appresa anche grazie agli insegnamenti di Beppe Bruscolotti, che insieme a me ed altri allenatori ne avevano seguito i primi passi in questo mondo che purtroppo un tragico destino ce lo ha privato troppo prematuramente”

D. – Lei ha avuto modo di vederlo e sentirlo soltanto qualche ora prima che si verificasse la tragedia: cosa le ha detto Giovanni?

R. – “Oltre che essere contento per il successo del Napoli di cui era uno sfegatato sostenitore, ha ribadito la sua contentezza per essere tornato a far parte del Sassano calcio e di far parte del gruppo che si allenava con la prima squadra, anche se era pronto per far il suo debutto con la formazione che avrebbe preso parte al campionato Allievi”.

Cammarano, con le lacrime agli occhi, ricorda anche il fratello Nicola: anche lui, infatti, aveva avuto dei trascorsi da giovane calciatore anche se poi aveva lasciato:“Oltre a Giovanni, anche Nicola, il fratello, è rimasto vittima. E’ una vera tragedia che ci ha lasciati sconcertati e senza parole non solo all’interno del nostro sodalizio ma nell’intera comunità sassanese così duramente colpita. Il mio pensiero va ai genitori che vivono questo dolore immenso, spero che abbiano la forza per venirne fuori, anche se so che non sarà facile”.

Intanto, la società Sassano Calcio, con in testa il presidente Domenico Ricciardone, anch’egli accorso sul posto della tragedia, ha prontamente disposto la richiesta al comitato regionale della Campania della Federcalcio affinché la gara della quarta giornata di promozione, in programma domenica prossima al “San Giovanni” di Sassano con l’Ebolitana, venga rinviata in segno di lutto: “Sono certo nella sensibilità del presidente Vincenzo Pastore e ritengo che sia giusto fermarsi dinnanzi ad una immane tragedia che ha colpito la nostra società e l’intera comunità”.

– Gerardo Lobosco –


  •  Articoli correlati

29/09/2014 – Tragedia Sassano: Domani i funerali dei 4 ragazzi. Proclamato il lutto cittadino. Gianni Paciello arrestato per omicidio volontario

29/09/2014Sassano: Comunità sotto shock per la tragica morte dei 4 ragazzi. I commenti degli amici

28/09/2014Tragedia a Sassano. Auto sbanda e si schianta contro un bar. Perdono la vita 4 ragazzi. Arrestato il conducente


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*