Quattro vite giovanissime sono state spezzate in un pomeriggio di inizio autunno, falciate da un’auto che ha finito la sua folle corsa contro i tavolini del bar New Club 2000 nella frazione di Silla di Sassano.

A perdere la vita sono stati quattro ragazzi giovanissimi: Giovanni Femminella di 16 anni, suo fratello Nicola di 22 anni, entrambi figli dei proprietari del bar, Daniele Paciello di 14 anni e Luigi Paciello di 15 anni.

Ad ucciderli è stato un loro coetaneo, Gianni Paciello, di 22 anni che dovrà portare sulla propria coscienza anche la morte di suo fratello Luigi.

Gianni ha riportato delle ferite serie ma non è in pericolo di vita. Trasportato all’ospedale “Luigi Curto” di Polla è stato sottoposto all’acool test che è risultato positivo, con un valore pari a 1.3 g/l . Per lui è scattato l’arresto per omicidio volontario ed ora si trova piantonato in ospedale anche se per motivi di sicurezza nella tarda serata è stato trasferito all’ospedale di Salerno San Giovanni di Dio Ruggi d’Aragona, per evitare eventuali disordini in ospedale da parte dei parenti delle vittime.

incidente rotatoria silla sassano 01Erano le 16:40 quando la BMW è piombata come un missile contro i tavolini del bar. Chi ha assistito alla scena racconta di aver visto l’auto arrivare a folle velocità condotta dal giovane in preda ai fumi dell’alcool. Probabilmente, i sensi annebbiati gli hanno impedito di rendersi conto che davanti a lui c’era la base in cemento di una rotatoria. L’auto è praticamente decollata per poi schiantarsi contro il bar.

Un boato fortissimo. In pochi istanti decine di persone che vivono nella zona o che in quel momento si trovavano in altri bar che si trovano nella popolosa frazione sono uscite in strada per vedere cosa fosse accaduto. Urla e sangue ovunque e i corpi esanimi dei quattro ragazzi a terra.

Qualcuno ha subito chiamato i soccorsi. In una corsa folle contro il tempo sono arrivate in pochissimi minuti 4 ambulanze e due mezzi dei Vigili del Fuoco del distaccamento di Sala Consilina con la speranza di riuscire a strappare alla morte i 4 giovani. I medici hanno tentato di tutto ma per tre di loro non c’è stato nulla da fare se non coprire i loro corpi con un lenzuolo bianco. Uno dei quattro giovani invece era ancora vivo quando sono arrivati i soccorsi, è stato richiesto anche l’intervento di una eliambulanza ma purtroppo durante il trasporto in ospedale anche il suo cuore ha cessato di battere.

incidente rotatoria silla sassano 02In pochi minuti tutto il paese è arrivato davanti al bar dove si è consumata la tragedia. La madre e il padre di due dei quattro ragazzi sono stati colpiti da un malore e anche per loro si è reso necessario il trasporto il ospedale, ma fortunatamente le loro condizioni non destano preoccupazione. In serata il PM di turno ha autorizzato la rimozione dei corpi che ora si trovano presso la sala mortuaria dell’ospedale di Polla a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Il bilancio poteva essere ancora più pesante. Alcune persone hanno raccontato di aver visto pochi minuti prima dello schianto un altro gruppo di ragazzi che si trovava davanti incidente rotatoria silla sassano 03all’ingresso del bar. Di solito la domenica molti giovani si ritrovano nei bar della zona per poter guardare insieme le partite di calcio del campionato di serie A.

Il sindaco di Sassano Tommaso Pellegrino appena appresa la notizia ha fatto ritorno da Napoli dove si trovava per lavoro e ha annunciato che per il giorno dei funerali sarà proclamato il lutto cittadino.

– Erminio Cioffi –



 – Articoli correlati –


63 Commenti

  1. non saranno i primi e nemmeno gli ultimi questi 4 ragazzi a morire in questo modo, anche se nel loro caso si evidenzia una certa crudeltà e ferocia.. per diminuire queste tragedie basterebbe un pò di buon senso.. Non penso che la gente (specialmente i vicini di casa) non sapeva che questo assassino portava la macchina di questa cilindrata e che correva come un pazzo e aveva già altri precedenti a riguardo. Magari bastava una piccola segnalazione ai carabinieri, che facendo delle verifiche gli sequestravano la macchina… kissa.. oramai le parole sono inutile ma speriamo che la morte di questi giovani serve da lezione a che sfreccia a velocità folle nelle strade del Vallo.. le mie sincere condoglianze alle famiglie delle vittime…

  2. Pasqualina says:

    Una tragedia come questa non si può nemmeno immaginare. Il dolore delle famiglie, delle mamme e dei papà, dei familiari rende i cuori tristi anche a chilometri. E chissenefrega dei fuochi delle amministrazioni, della festa, delle polemiche inutili. Chi sta soffrendo sicuramente non se ne è nemmeno accorto tanto rende sordi il dolore. Solo un abbraccio a queste persone e che possano trovare il coraggio e la forza di andare avanti. Condoglianze

  3. Silvia Delli Gatti says:

    Ogni volta che sento queste notizie è un colpo al cuore..ma non mi sento di giudicare il ragazzo alla guida, senza dubbio ha sbagliato, ma penso che ha già avuto la sua punzione trovandosi di fronte il fratello ucciso da lui…la colpa non è di questi ragazzi..purtroppo vittime anche loro di una società crudele e spietata i cui interessi oramai non sono altro che soldi e potere. Un abbraccio alle famiglie e ai ragazzi che riposino in pace.

  4. Rispondo a qualcuno che parla di poche attenzioni da parte delle forze dell’ordine vi ricordo che i militari hanno dei determinati giorni e non possono fare cio che vogliono pertanto quanto non si vedono in strada non pensate a dare colpe ai militari essi sono comandati dalla procura non possono decidere loro.
    Loro hanno fatto il loro dovere sul soggetto più di una volta ma le altre decisioni non le prendono loro.

    • In tutto ciò vorrei dire che la comunità Salese avrebbe potuto evitare i fuochi , li ho trovati del tutto inappropriati e fuori luogo ,prima di dar inizio alla festa avrebbero dovuto rispettare il dolore di queste famiglie. Con questo voglio solo dire al comitato festa e all’amministrazione comunale , Vergognatevi, ieri nel sentire i fuochi sono rimasta allibita !!

  5. ci penso in continuazione da quando l ho saputo…è una cosa atroce e impensabile. ..come dovranno fare questi genitori. ..senza più ormai uno scopo di vita.nn si può morire così. ..davanti a un bar.e la cosa ke mi ha fatto più male è ascoltare in tv ke l unico ke nn era morto sul colpo…diceva”voglio a mamma”.condoglianze lina e cono.

  6. Purtroppo a Sassano ogni anno muore un giovane per incidente stradale ma le nostre istituzioni dove sono parlo dei carabinieri,vigili,e il Comune di Sassano cosa fa,fa partire il giro d’italia istalla il wi fi intitola la Villa Comunale a Paolo Borsellino queste sono le cose importanti per Sassano e i Sassanesi è non a mettere in sicurezza le strade con dei limitatori di velocità,dei dossi e qualcosaltro per la sicurezza

  7. ..sconcerto! non so immaginare cosa faranno i genitori di questi ragazzi..ancor meno i genitori di chi ha provocato queste morti! al loro posto vorrei morire… senza i miei figli non saprei cosa fare al mondo.
    Non ci sono esortazioni al coraggio nè al perdono. Nulla serve..io vorrei morire e basta!
    ciao ragazzi..riposate in pace.

  8. PURTROPPO QUESTA MERDA NON SI FARA’ ALCUN GIORNO DI CARCERE, PASSERA’ UN PO’ DI TEMPO E LO RIVEDRETE IN AUTO A GUIDARE ANCHE SENZA PATENTE. PURTROPPO NEI PAESE DEI BALOCCHI NON SI HA PAURA DI NULLA PERCHE GRAZIE ALLA GIUSTIZIA ITALIANA TOLLERANTE NESSUNO STA DENTRO A VITA. SE SOLO BUTTASSERO LE CHIAVI ALLORA SI AVREBBE PAURA DI SBAGLIARE, INVECE SANNO CHE CON QUALCHE AVVOCATO BRAVO LA SI FA SEMPRE FRANCA. GRAZIE ALLE LEGGI DI MERDA FATTE DAI GENI DEI PARLAMENTI PASSATI E PRESENTI E GRAZIE ALLE INTERPRETAZIONI SOGGETTIVE DEI GIUDICI ITALIANI NELL’APPLICARE LE LEGGI PERBENISTE E TOLLERANTI. QUI IN ITALIA C’E’ BISOGNO DI GIUSTIZIA PRIVATA.

  9. In questa vicenda ci sono delle gravi responsabilità di chi doveva vigilare,la fama di questo assassino era conosciuta,lo sapevano pure li pietre che correva come un matto,come mai non è stato fermato in tempo?la legge parla chiaro questo assassino non poteva e non doveva guidare un auto di grossa cilindrata come mai era al volante?Il tributo di sangue che viene versato per incidenti stradali a sassano è enorme,ci sono dei problemi seri, ogni giorno quando faccio quelle strade trovo un esaltato che corre come un matto,ci sono troppi ragazzini al volante di auto di grossa cilindrata come mai?Il mio auspicio che venga fatta giustizia,ma ho i miei seri dubbi visto che il codice penale prevede pene molto lieve per chi si macchia di questi crimini.Quindi ho la sensazione che qualcuno si farà 20 anni di carcere,e questa persona non la biasimo io farei lo stesso.

    • ANCHE SE VIGILI 24 ORE SU 24, C’E’ SEMPRE IL GIUDICE PERBENISTA CHE TI DA LA LIBERTA’….SOLO SE RUBI POLLI PER FAME TI METTONO DENTRO SENZA PENSARCI DUE VOLTE, PER IL RESTO C’è SEMPRE QUEL PRINCIPIO ITALIANO DEL REINSERIMENTO SOCIALE…..SAI QUANTA GENTE VIAGGIA SENZA ASSICURAZIONE E PATENTE, SAI QUANTI DROGATI PLURIPREGIUDICATI LI TROVI ALLA GUIDA? E COSA FANNO I GIUDICI DOPO CHE LE FF.PP. LI TROVANO? LI RIMETTONO IN LIBERTA’…..INVECE DI PULIRE LE STRADE CON LE PALLE AI PIEDI…

  10. R. .p. povere famiglie @

  11. Inutile siamo sempre alle solite, questi eventi non creano mai un esempio , si continua sempre a fare le solite cXXte, io per primo da giovane ho corso in auto, am se ero ubriaco non mi sognavo di guidare e tanto meno in paese , ma ormai i giovani per svariati motivi sono sempre meno responsabili.

  12. non si puo morire in questo modo io tutti i giorni passo davanti al bar e vedevo e conoscevo i giovani morti ho perso un figlio di 22 anni e so cosa significa x i genitori non ho parole so che non e facile un abbraccio e sentite condoglianze ai genitori e a tutti i familiari e amici michele setaro

  13. La colpa è in gran parte dello Stato e della Giustizia che sono assenti e/o troppo accondiscendenti con chi infrange la legge e con le penne, che no sono certe e nemmeno eque. Si permette a dei delinquenti di andare allo stadio ed a dei pirati della strada di circolare liberamente. Chi ha compiuto la strage di Sassano non farà un giorno di carcere, vedrete, farà un po’ di domiciliari a casa, potrà uscire, guardare la televisione rilassarsi, poi avrà le attenuanti e fra poco sarà di nuovo alla guida di un nuovo bolide a 4 ruote.
    Ecco perchè l’Italia è un paese di merda !!!

  14. Ancora una volta le nostre strade si colorano di sangue; quel sangue di angeli innocenti di angeli che avevano ancora diritto di vivere; scrivere ogni giorno la pagina della loro esistenza ma poi per mano di chi? Ne vogliamo parlare? Per mano di un assassino già reduce di altri incidenti dove vi erano già stati altri morti… Purtroppo l’Italia pecca di fronte alla giustizia in alcuni casi perchè l’evolversi della vicenda sarà che il ragazzo sarà dichiarato con problemi psicologici e tra una cosa e l’altra avrà la buona condotta ormai siamo abituati a queste classiche routine la cosa vergognosa però è che i ragazzi non ritornano e che i soldi non porteranno sulla faccia della terra i sorrisi di questi ragazzi volati al cielo. La cosa che mi fa vergognare di più sono i genitori, genitori di un vecchio assassino che ha effettuato altre stragi perché non si può mettere in mano a un ragazzo di22 anni una macchina di così alta cilindrata sapendo il figlio che si ritrovavano… Ubriaco alle 4 del pomeriggio che in pieno centro abitato effettua una tragedia ci vorrebbe una sedia elettrica e tutto il male di questo mondo per questo elemento perché solo così si può giudicare né uomo né persona… Cari genitori vergognatevi di aver creato un mostro e non aver fatto niente per fermarlo quando era il momento… Per quanto riguarda quello che é stato detto in qualche altro commento avrà il fratello sulla coscienza… Beh secondo me non avrà proprio niente sulla coscienza perché altrimenti ci doveva pensare che aveva il fratello in macchina e che aveva altre vittime sulla coscienza è un’ assassino deve morire deve morire perchè il suo passato non gli ha insegnato niente nella vita ma solamente a bere e a premere il piede di più sul pedale della sua auto. Io da genitore avendo perso tutto mi prenderei da solo la mia giustizia. Credo di essere stata un po’ dura con le parole ma è quello che realmente penso… Abbraccio e porgo le mie più sentite condoglianze alle famiglie delle vittime e riposino in pace questi angeli della vita ciao Nicola Luigi Giovanni Daniele

    • Il fratello nn era in macchina con lui. Ma era seduto fuori dal bar con gli altri ragazzi

    • Mi dispiace sentire parole che istigano ad altra violenza (ve) ..purtroppo la nostra bella società crea di queste situazioni..ho solo due domande..perche le forze dell ordine(visto che conoscono le abitudini di alcuni elementi) non hanno represso queste consuetudini???dove sono stati finora??le amnistrazioni anche loro consapevoli,perche non hanno preso provvedimenti in merito??questi a mio parere son i due organi che avrebbero e DEBBONO vigilare..

    • Non giudicare se non sai tutto. Ha sbagliato questo è vero. Hanno sbagliato i genitori? Non so. Ma non siamo noi a giudicare

  15. Non è possibile commentare tale tragedia, ma solatanto constatare che il rispetto per la vita umana è divenuta mera Utopia, Vogliamo soltanto stringerci al dolore che ha colpito le famiglie di questi poveri giovani…

  16. Quando accadono queste tragedie non ci sono parole per descrivere ciò. Povero chi muore per mano di altri i quali continuano a vivere… Vittime senza nessuna colpa, frutto di esibizionismo, negligenza ed imprudenza altrui. Riposate in pace…

  17. Ai genitori di questo mostro : VERGOGNA avete cresciuto un assassino folle, senza regole, rappresentate il marcio della società. A soli 22 anni con una macchina cilindrata 3000, siete colpevoli quanto lui. VERGOGNA VERGOGNA VERGOGNA .
    L’assassino può continuare a fare omicidi , vogliamo GIUSTIZIA – FERMATELO

  18. Riposate in pace ragazzi!!!

  19. Donato Amato says:

    Io vivo negli stati uniti , e sono venuto a conoscenza della brutta notizia e mi associo al dolore delle famiglie per quando conosco condoglianze lina e cono

  20. E ora che si faccia qualcosa , troppi giovani troppi troppi dannazione!!!! Qua c’è bisogno di un po di ordine pubblico e noi genitori dobbiamo cercare di dare una mano a chi “dovrebbe” far rispettare le regole!!! Ma purtroppo le regole ci sono ma nessuno le rispetta!!! Quindi amici miei facciamo come i tedeschi che quando vedono un soggetto che sfreccia a 200 all’ora pigliano il nr di targa e lo segnalano a chi di dovere….. secondo me è l unica soluzione per far rispettare le regole dando una mano alle forze dell’ordine !!! Diamoci una regolata e facciamoci un esame di coscienza!!! Le piu sentite condoglianze alle famiglie e che Gesù accolga questi giovani !!

  21. Riposate in pace ragazzi!

    • …. mentre chi ha causato questa tragedia dovrebbe riposare in galera per il resto della sua vita… ma purtroppo non sará cosí… Purtroppo!!

      … e in galera dovrebbero starci anche chi le patenti le regala o meglio le dá prendendo soldi sottobanco, senza minimamente pensare alle tragedie che causerá che l apatente l’ha comprata… Purtroppo questa é l’Italia…. di Merda!!

  22. Liopleurodon says:

    Pur vivendo in una grande cittá ormai da anni, mi ha straziato il cuore sentire la notizia della tragedia che ha colpito il mio paese; le mie rare incursioni nel “mio” paese mi fanno osservare una gioventù tanto bella quanto spenta; sfrecciano con bolidi da 50000 euro e non hanno un lavoro; l’unica ambizione di questi ragazzi é sovradimensionarsi con l’auto più bella e veloce, dove il turpe diletto giocoforza genera queste tragedie. A Sassano occorre recuperare questa gioventù spenta e nello stesso tempo sfrenata, dove il fattore genitoriale non é sicuramente scevro da responsabilitá.

  23. Cari amici, l’unico modo per non avere di questi eccidi sarebbe molto semplice, se lo Stato lo vorrebbe!! basterebbe vietare auto di grossa cilindrata, tutte auto a batteria e per tutti massima velocità 100 km.orari, Non inquinerebbero, non ucciderebbero nessuno, e se pure ci fosse un ‘incidente al massimo qualche ammaccatura. Si eliminerebbero gli autovelox, le cinture di sicurezza, gli airbag, e soprattutto le multe sarebbe un mondo più lento, e chi se ne frega, tanto recuperare tempo correndo a 200 all’ora non cambia la vita, ma semplicemente la perdi o la fai perdere.

  24. Purtroppo finirà come al solito e come x centinaia di altri casi: ritiro patente x qualke mese, arresti domiciliari e poi di nuovo in giro a guidare magari senza patente. Si porterà sulla coscienza oltre la morte di altri giovani ragazzi, anche quella del fratello e questo tormento sarà più duro di qualsiasi altra punizione carcere compreso.

  25. nessuna parola puo commentare questa tragedia”annunciata” son solo skifato di questa legge italiana che permette ad un recidivo di incidenti,a sedersi su un sedile di auto….autovelox..e tutti gli altri dissuasori di velocità dove vengono installati??e le forze dell ordine che fanno???visto che conoscono le abitudini di molti giovani….

  26. So che le parole non servono in momenti come questi, e che il dolore è enorme. Non ci sono parole o gesti che possono colmare il vuoto, ma il mio cuore è con voi.
    Condoglianze !!!

  27. Gente del Vallo di Diano uniamoci tutti è chiediamo ai ns. sindaci di installare autovelox su tutto il territorio , è l’unico deterrente per fermare questi assassini, ed eviteremo di piangere altri morti..

  28. Mario Senatore says:

    E’ una tragedia che mi colma di dolore, di paura e di rabbia. Dolore e rabbia si capisce perché. Paura perché in Italia e in questo clima si consolida sempre più il convincimento che ognuno può permettersi di fare ciò che vuole senza pagare il fio della colpa. Anzi, per certa gente, indegna di vivere nel contesto civile, più un gesto è eclatante e irriguardoso di ogni regola di convivenza umana più è gratificante la risposta che ne riceve.
    Anche colpa di una degenerazione sociale strisciante a causa di “mode”, comportamenti e parole che lasciano spazio ad un lassismo generale (che si vuole, poi, anche spiegare e giustificare).
    Quello che conta, alla fine, è il risultato e questo mi sembra negativo su tutti i fronti.
    Non avrei mai voluto avere una ulteriore prova di siffatta tragicità.

    Qualcuno troverà, nei giorni prossimi, parole per spiegare e, magari, incoscientemente giustificare l’inqualificabile comportamento del responsabile di tanto e, complice il tempo, il fatto scivolerà in una nebbia d’indifferenza (tranne per le persone care alle quali, ormai, è precluso per sempre il gusto della vita).

    La vita è regolamentata da norme! Ora, o le si cancellano, oppure si fanno rispettare senza “se” e senza “ma”. Diversamente si verifica una caduta di credibilità di tutto con conseguente consolidamento del convincimento che ognuno è libero di gestire la propria autonomia, la propria forza, le proprie ambizioni al di fuori di ogni Legge.
    Chi ha l’autorità e governa la cosa pubblica ci rifletta.

    Alle Famiglie, così brutalmente toccate dalla sorte, non dico niente: ogni parola sarebbe incapace di scalfire il loro dolore. Solo un affettuoso, fraterno abbraccio nel mentre piango e prego con Esse.

  29. Da voci sentite sul luogo dell’incidente ,il guidatore era già recidivo da altri incidenti,ove se l’era cavata.
    Se così fosse ,ed il genitore gli ha messo in mano un cannone ,si impicchi perchè è colpevole quanto lui della strage preannunciata .Condoglianze vivissime ai familiari che piangeranno questi innocenti,e se esiste la legge faccia passare tantissimi anni in galera a questo pilota da strapazzo.

  30. ma i genitori,sapendo di avere in casa una testa gloriosa così,come facevano a lasciarli in mano una bmw..?cmq l’augurio è che resti in galera a vita .pace a quelle povere creature morte e ai loro genitori x i quali sarà durissimo vivere.

  31. giuseppe lopardo says:

    R.I.P.
    ogni commento e’ inutile….

  32. Mi dispiace per quei poveri ragazzi innocenti e per le loro famiglie.

    Chi ha provocato questa strage si porterà’ sulla coscienza la morte

    Del fratello e quella sarà’ la sua condanna. Bastardo!!!!

  33. Il solito cafone e tamarro di turno…Spero che qualcuno ti abbia riservato lo stesso destino!

  34. non si puo morire cosi , visto il guidatore era un assassino spero che la paghi! riposate in pace ragazzi

  35. Riposino in pace e insieme al Signore diano la forza ai loro cari ad affrontare questo dolore cosi grande.

  36. ….immagino cosa sarebbe accaduto se fosse stato un …rumeno…..

  37. La legge italiana èquesta,ruba una mela x fame vai dentro e non esci con la condotta macchiata. Ammazzi 1/o 10 persone sei libero di rifarlo!!assurdo in giusto! Dovè mussolini? Sentite condoglianze alle famiglie

  38. è anche colpa dei genitori, nn si può dare in mano una macchina così a un neo patentato

  39. UnA delle vittime era suo fratello

  40. vrusciatilu vivu,ma chi i quissu?

  41. come mai le forze dell’ ordine non riescono a controllare la velocità, nella nostra piccola realtà del vallo sono facili da individuare questi pirati incoscienti….

  42. Non si può morire in questo modo! Quante vittime ancora sulla strada????

  43. I soliti cafoni e magnacci che credono di essere osservati quando camminano in strada con queste macchine da ….. Spero che i genitori di questi 4 bei ragazzi gli faranno fare la stessa fine.

  44. Bastardo

  45. E una vergogna!!!!

  46. Non si può morire cosi ! Spero che queste tragedie ci insegnino a non correre e ad essere prudenti…..ciao angeli del cielo…!

  47. Come fa questo assassino ad avere ancora la patente se due anni fa aveva commesso già un omicidio…tutto questo è successo perché la legge italiana è una barzelletta!!!Riposate in pace,le mie più sentite condoglianze alle famiglie coinvolte!!!

    • Il commento di Nicola fa ancora piú rabbia,visto che questa persona molto probabilmente non poteva neanche guidare….resta l’assurdo fatto che quattro vite sono state spezzate…riposino in pace…

  48. Nicola Amato says:

    Basta stragi sulle nostre strade!

  49. Assurdo, non si può morire così! Riposate in pace ragazzi

  50. Buttate dentro questo criminale e buttate le chiavi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*