Vigile del Fuoco muore dopo aver salvato il padre da un incendio. Il tragico episodio è avvenuto questa mattina a Capaccio Paestum.

A prendere fuoco un garage adiacente ad un’abitazione. Claudio Nicoletti, 53 anni, non era in servizio, ma insieme alle Forze dell’Ordine aveva aiutato il padre ed altre persone a mettersi in salvo, per poi essere stroncato da un infarto fulminante quando il pericolo era ormai passato.

Le fiamme sono divampate dalla canna fumaria della villetta fino a raggiungere il box sottostante sprigionando una fitta coltre di fumo nero.

Sul posto sono giunti gli agenti della Polizia Municipale che, insieme al 53enne hanno tirato fuori dal garage diverse bombole di gas, mettendo in sicurezza l’area e facendo evacuare anche negozi e case nelle vicinanze. Intervenuti immediatamente anche i Vigili del Fuoco del Distaccamento di Agropoli che hanno domato le fiamme in breve tempo.

La Croce Rossa ha soccorso l’anziano proprietario dell’abitazione, rimasto lievemente ustionato.

Poco dopo, il dramma. Il figlio Claudio, forse per lo spavento, è stato colto da un infarto. A nulla è valso l’intervento dei sanitari giunti con un elicottero che doveva trasportarlo al “Ruggi” di Salerno. Non c’è stato nulla da fare, il 53enne ha perso la vita a bordo dell’elisoccorso.

Lascia la moglie e due figli.

– Paola Federico –

Un commento

  1. Luigi Antonio Colecchia says:

    Noi Vigili del Fuoco siamo nati per salvare il prossimo e spesso doniamo la nostra vita per salvarne un’altra fa parte della nostra professionalità e della dedizione per il prossimo Siamo fatti così Un abbraccio forte forte alla famiglia di questo Caro collega che ha perso la vita per salvare il papà e l’incolumità dell’intero isolato

Rispondi a Luigi Antonio Colecchia Cancel

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*