Nei giorni scorsi a Tortorella, nell’adiacenza delle mura della chiesa del Sacro Cuore, mentre c’erano dei lavori in corso della pubblica illuminazione è stato bucato un ossario.

A dare l’allarme è stata la ditta che immediatamente ha avvertito i Carabinieri della Compagnia di Sapri agli ordini del Capitano Matteo Calcagnile. Sono intervenuti anche i militari della Stazione di Casaletto Spartano.

Dopo i rilievi è emerso che il braccio dell’escavatore ha perforato una tomba interrata. I resti emersi, secondo una prima analisi, risalgono a circa un secolo fa. Per i dovuti sopralluoghi sono intervenuti sul posto un archeologo della Soprintendenza di Salerno e un medico legale incaricato dalla Procura di Lagonegro.

I resti umani, dopo essere stati repertati, sono stati collocati all’interno di una cassetta zincata e depositati nel cimitero del paese.

Saranno fatte indagini approfondite per capire il periodo storico al quale queste ossa appartengono e, nel frattempo, l’area è stata sottoposta a sequestro.

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano