La Giunta regionale della Basilicata, su proposta dell’assessore alle Attività Produttive Francesco Cupparo, ha approvato l’avviso pubblico per il sostegno di attività imprenditoriali di interesse socio-assistenziale che prevede una spesa complessiva di 4 milioni di euro.

Il terzo settore, nelle componenti sia del non profit sia dell’economia sociale – sottolinea l’assessore Cupparo – costituisce un segmento assolutamente rilevante della società lucana: in particolare, a fronte di una popolazione di poco meno di 550.000 abitanti risultano iscritte ai registri regionali 256 cooperative sociali. Tale rilevanza significativa nel sistema regionale si esplica in una pluralità di ambiti che vanno dai tradizionali socio-sanitario e socio-assistenziale alle più innovative gestioni di beni pubblici e mobilitazioni del capitale sociale diffuso. L’obiettivo perseguito dalla Regione è quello di sostenere gli investimenti aventi come finalità la costruzione, il recupero, la rifunzionalizzazione, l’adeguamento sismico, l’ampliamento, la riqualificazione e l’adeguamento di strutture esistenti (anche finalizzati a prevenire e presidiare l’emergenza epidemiologica), che erogano le tipologie di servizi socio-assistenziali e socio sanitari a ciclo diurno e residenziale che l’avviso individua in un elenco specifico. In sintesi intendiamo promuovere modelli organizzativi ed imprenditoriali innovativi nel campo delle attività e dei servizi a spiccata connotazione sociale (servizi socio lavorativi, servizi di vicinato); sostenere lo sviluppo di attività imprenditoriali a valenza sociale nel recupero e nella gestione di beni comuni e spazi pubblici, nella messa a valore e nella fruibilità di beni culturali e risorse naturali, nello sviluppo di forme organizzate di coworking”.

Possono presentare domanda le micro, piccole e medie imprese, compresi i consorzi, le società consortili e le società cooperative, che rientrino nella definizione di impresa sociale e di Ente del Terzo settore.

Per maggiori informazioni clicca qui: Sostegno di attivita’ imprenditoriali di interesse socio-assistenziale. Edizione 2 

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano