“Scosse molto forti, tanto spavento, ho passato la nottata in auto”. Sono le parole di Egidio De Maria, lucano, di una frazione di Latronico (Agromonte Magnano) che ha vissuto il terremoto che questa notte ha interessato l’Albania.

Da circa 15 mesi De Maria si trova in terra albanese per lavoro e si occupa di bonifiche ambientali. Quando si è registrata la prima scossa si trovava in albergo dove la sua azienda ha anche gli uffici ma essendo lui da anni un volontario di Protezione civile, in base alle sue conoscenze ha abbandonato la struttura trascorrendo poi la notte in auto in un posto sicuro nei pressi di Tirana, area meno colpita dalle scosse.

“Stanotte – ha dichiarato Egidio – sono stato svegliato dalla prima scossa. Ero convinto che si trattasse di un sogno ma poi ho controllato sul web e mi sono reso conto che non era così. Già il 21 settembre c’era stata un’altra scossa quindi ho pensato alla ripresa dello sciame sismico. Ho preferito prendere l’auto, conscio anche della storia sismica dell’Albania. Sulla scorta delle mie conoscenze, ho preferito trascorrere la nottata in auto”.

Dopo la prima scossa ne sono seguite altre simili. “Molto forte – ha aggiunto – quella registrata poco dopo le ore 6. Inizialmente ero convinto che fosse una folata di vento, poi ho capito bene che si trattava del terremoto. Ero all’interno dell’auto aziendale che si muoveva in maniera incontrollata. Mi sono spostato, con l’auto ho fatto luce verso l’ingresso dell’albergo per far uscire il portiere, proprietari ed ospiti. Poi sono usciti tutti fuori”.

De Maria si trova nella periferia di Tirana. Tanto spavento qui, qualche lesione ma pochi danni conclude – Quelli maggiori sono nella zona centrale a Durazzo e siamo tutti preoccupati. Da quando sto in Albania mi sono registrato sul portale della Farnesina e questa notte sono stato contattato dall’Unità di Crisi per ricevere supporto”.

Da Egidio anche un appello: “E’ importante la prevenzione, non bisogna sottovalutare nulla. La campagna ‘Io Non Rischio’ in Italia, ad esempio, è di grande importanza, bisogna partire da queste cose”.

– Claudio Buono –


  • Leggi anche:

26/11/2019 – Terremoto in Albania. La testimonianza di Morena Idrizi di Sant’Arsenio in viaggio a Tirana

26/11/2019 –Terremoto di magnitudo 6.5 in Albania. Trema il Sud Italia,scossa avvertita nel Salernitano e Basilicata

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*