giornata memoria teggiano 03Una lezione di storia alternativa quella che si è tenuta questa mattina, in occasione della Giornata della Memoria e del ricordo del genocidio ebreo, alla Scuola Media “Giovanni Pascoli” di Teggiano. Un momento di riflessione, un percorso a ritroso nella storia attraverso la ricostruzione di quello che rappresenta per l’umanità intera uno degli episodi più drammatici e spietati di sempre. E, usando come diario di bordo il ricordo della Shoah, agli studenti presenti, incamminatisi nel viaggio della memoria, si è aperta una prospettiva storica differente, quella degli IMI (Internati Militari Italiani), uno status molto spesso dimenticato dai libri di testo, ma a noi vicino più di quanto si possa immaginare.

Dopo i saluti del dirigente scolastico Salvatore Gallo e dell’assessore alla Cultura del Comune di Teggiano Sonia Marino, Pietrangelo D’Elia ha fatto dono ai presenti delle vicissitudini militari e personali dell’omonimo nonno, Pietrangelo Battista, fatto prigioniero dai nazisti dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 e costretto a lavorare nelle miniere di carbone tedesche fino al 1945, anno della liberazione da parte degli alleati. Un giovane soldato che non si era sottratto alla campagna di Spagna del ’36 e, subito dopo, al secondo conflitto mondiale. giornata memoria teggiano 02Un attaccamento profondo alla Patria che lo portò ad essere insignito di una Croce al Merito di Guerra per internamento in Germania in tre concessioni (caso raro). Il ricordo del valoroso Pietrangelo, molisano trapiantato per amore a Teggiano, è stato reso ancor più incisivo dal conferimento di una medaglia d’onore alla sua memoria da parte della Presidenza del Consiglio dei Ministri nel 2013. “Gli IMI hanno rappresentato un sacrificio di vite umane all’ombra del sapere, perchè i libri di storia non ne parlano – ha spiegato Pietrangelo D’Elia durante il suo intervento – Mio nonno ha fatto dell’amore per la Patria e del sacrificio una ragione di vita“.

Un legame alla figura del “nonno eroe”, quello dei nipoti Pietrangelo e Cono, che questa mattina si è materializzato nelle immagini mostrate ai ragazzi di terza media della “Giovanni Pascoli”, che hanno impreziosito l’incontro con video e parole preparati grazie al coordinamento della vicepreside Elisabetta D’Elia e dei docenti dell’istituto teggianese. Non è mancato il richiamo al “nuovo nazismo“, con specifico riferimento all’ISIS e all’attentato alla redazione del giornale satirico francese “Charlie Hebdo”. Un tassello in più per non dimenticare gli eccidi, i soprusi e le persecuzioni che le varie epoche, compresa quella più recente, hanno disseminato nella storia dell’umanità, visto con gli occhi sensibili e curiosi degli adolescenti.giornata memoria teggiano 01

Molto interessante anche la mostra sulla Shoah organizzata dagli studenti dell’Istituto di Istruzione Superiore “Pomponio Leto” di Teggiano impegnati, questa mattina, in attività organizzate assieme ai docenti della scuola, in ricordo del genocidio degli ebrei. La mostra sarà visitabile al pubblico nell’intera giornata di domenica prossima, in occasione dell’Open day, organizzato per offrire informazioni utili agli studenti delle classi terze delle Scuole Medie ed ai loro rispettivi genitori, in vista delle iscrizioni alla scuola superiore per l’anno scolastico 2015/2016 i cui termini scadono il 15 Febbraio prossimo.

– Chiara Di Miele – 

giornata memoria leto 01 giornata memoria leto 02


 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*