La cara concittadina Federica non è più“. Inizia così il sentito messaggio di cordoglio del sindaco di Teggiano, Michele Di Candia, dell’Amministrazione comunale e del Consiglio per la morte prematura di Federica Tropiano, la 21enne che ha smesso di vivere questa notte presso il Centro Grandi Ustioni dell’ospedale “Cardarelli” dove era stata ricoverata in seguito alle serie ustioni riportate dopo aver tentato di ravvivare il fuoco del camino utilizzando dell’alcol.

La triste e feroce notizia – affermano il primo cittadino e gli amministratori – lascia la nostra comunità attonita, conscia di aver perso tanto del proprio futuro. Giunga alla famiglia il senso del più accorato cordoglio di tutti noi teggianesi. Sia il ricordo di Federica il senso di appartenenza alla cittadinanza e di effettiva presenza della solidarietà umana e sociale che la società civile tutta ha riscoperto con il suo sacrificio“.

Ricordiamo che nei giorni scorsi, proprio per aiutare la giovane Federica, in tantissimi si erano recati presso il Centro Trasfusionale dell’ospedale di Polla a donare il sangue che sarebbe servito per permetterle di affrontare i necessari interventi chirurgici richiesti dalla gravità delle sue condizioni.

– Chiara Di Miele –


  • Articolo correlato:

14/11/2020 – Federica Tropiano non ce l’ha fatta. Il cuore della giovane teggianese rimasta ustionata ha smesso di battere

Per continuare a leggere non usare il blocco delle pubblicità sul nostro giornale.

La pubblicità è l’anima del commercio e senza di essa non potresti leggere le notizie che ti interessano