La luna, spesso presente nei loro testi, ha giocato a nascondino e non ha rischiarato a dovere piazza IV novembre, gremita ieri sera per gli Avion Travel, in concerto per il Teggiano Jazz.

Peppe Servillo, voce e volto della Piccola Orchestra, con la mano sul cuore non ha risparmiato inchini al pubblico, incantato dagli arrangiamenti raffinati e le sonorità ricercate del gruppo casertano che nel 2000 vinse il Festival di Sanremo con “Sentimento”. Sul palco la formazione storica al completo, con Fausto Mesolella alla chitarra, Mario Tronco alle tastiere, Mimì Ciaramella alla batteria, Ferruccio Spinetti al contrabbasso e Peppe D’Argenzio al sax. Una reunion a dieci anni dall’ultimo tour, “un piccolo ritorno – avevano dichiarato – condotto senza enfasi e celebrazioni, è la verifica di una idea di canzoni che ambiscono a durare, non perché hanno scalato le classifiche, ma perché serbano in sé il desiderio e la presunzione di essere sempre attuali, smuovere il cuore e il pensiero, provocare un’assemblea di sensazioni e senso che si ritrovano dopo dieci anni a cominciare da noi sei”.avion travel 02

La rassegna, che si avvale della partnership con la Banca Monte Pruno, si avvia questa sera alla conclusione: ad esibirsi sul palco di Teggiano Jazz il duo Danilo Rea – Gino Paoli, reduce dalla serata tributo a Domenico Modugno a Polignano a Mare (Ba), a 20 anni dalla scomparsa del cantautore.

– Gianpaolo D’Elia –


 


 

 

Un commento

  1. Marco D'Elia says:

    Grande concerto. Complimenti a tutti.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*